Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Regina Coeli: La "squadretta" si vantava dei pestaggi

Notizia del 07/12/2011 - ROMA

Regina Coeli: La "squadretta" si vantava dei pestaggi

letto 3779 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Sevizie ai detenuti: sulla «squadretta» di Regina Coeli è in corso un'altra inchiesta. Anche in questo caso si ipotizzano abuso e violenza privata e gli indagati sarebbero gli stessi agenti di polizia penitenziaria. E se per i maltrattamenti a Julien Monnet, il pm Francesco Scavo ha appena chiesto il rinvio a giudizio di Rolando Degli Angioli e Luigi di Paolo, medico e infermiere della 7° sezione, in questo caso è il pm Corrado Fasanelli a indagare. Episodi denunciati da fonti riservate sui quali è in corso da tempo una verifica (complicata dalla tradizionale omertà e dal fatto che molte vittime delle sevizie sono state trasferite in altre strutture penitenziarie).

Nel 2009 fu la stessa polizia penitenziaria ad aprire un'inchiesta interna sulle violenze a Regina Coeli. Nel timore, forse, che le scorribande della «squadretta» potessero uscire dai confini carcerari. Solo in seguito si sono mossi i magistrati, ricostruendo, per intero, una singola vicenda. Il trattamento riservato a Julien Monnet, l'informatico francese accusato di tentato omicidio nel confronti della figlia e che a Regina Coeli fu picchiato e seviziato: «Gli venne inserito un catetere senza anestesia tanto da farlo urlare di dolore più volte», confermano i suoi difensori Alessandro e Michele Gentiloni Silverj. 

«In data 16 marzo 2009 - si legge nella prima relazione dell'ispettore della penitenziaria - si è appreso da fonte confidenziale e di sicura attendibilità» di alcuni episodi «avvenuti all'interno della Casa Circondariale di Regina Coeli. In particolare la fonte ha riferito dell'esistenza, all'interno della predetta Casa Circondariale, di una "squadretta" che porrebbe in essere gesti di violenza fisica e psicologica di inaudita crudeltà e senza alcun motivo nei confronti di alcuni detenuti ristretti presso la 7° sezione».

Dalla relazione si apprende anche che la «squadretta» si vantava delle sue imprese. Uno dei testimoni riferisce di aver ascoltato i protagonisti «vantarsi pubblicamente» delle proprie azioni e di aver sentito in prima persona il medico indagato nell'episodio Monnet «dare consigli al personale di polizia penitenziaria su come picchiare i detenuti. Ovvero quali erano le parti del corpo da colpire per evitare danni irreversibili e lasciare segni troppo evidenti».
 
Tra le vittime, soprattutto detenuti accusati di reati sessuali, gay e molti extracomunitari. Ieri sulla questione è intervenuto Donato Capece, segretario del Sappe (il sindacato autonomo): «La polizia penitenziaria è una istituzione sana, composta da uomini e donne che con alto senso del dovere, spirito di sacrificio e grande professionalità sono quotidianamente impegnati nella prima linea della difficile realtà penitenziaria». 
 
Ilaria Sacchettoni - http://roma.corriere.it
STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”