Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Relazione della DIA: boss pugliesi continuano a dettare regole dalle carceri

Polizia Penitenziaria - Relazione della DIA: boss pugliesi continuano a dettare regole dalle carceri


Notizia del 03/02/2015 - BARI
Letto (2296 volte)
 Stampa questo articolo


«I vecchi capi continuano a dettare le regole dagli istituti penitenziari nei quali sono rinchiusi (molti con 'fine pena maì)» ma si registrano «pulsioni autonomistiche di neo-aggregazioni criminali». È il quadro che emerge in Puglia dalla relazione della Direzione Investigativa Antimafia, con riferimento al primo semestre del 2014. Le mafie pugliesi, rileva la relazione, presentano «profili di instabilità e mutevolezza» ma le attività illecite prevalenti restano il traffico di droga, l'usura e le estorsioni. «Fattore comune per l'intera regione, complice anche la crisi economica, - si legge nella relazione - è l'aumento delle rapine a mano armata e dei furti in danno di sportelli bancomat, centri scommesse ed in appartamento». Inoltre «la vicinanza geografica con i Balcani favorisce l'interazione dei gruppi locali con realtà criminali di origine straniera e gli importanti scali marittimi della regione ne fanno un crocevia di traffici illeciti».

La Dia sottolinea poi che «destano forte allarme sociale gli atti intimidatori perpetrati nei confronti di alcuni rappresentanti degli enti pubblici territoriali, che inducono a non sottovalutare il potenziale criminale delle locali organizzazioni, in grado anche di condizionare le pubblica amministrazione, come registrato per il comune di Cellino San Marco(Brindisi), sciolto ad aprile per infiltrazione mafiosa».

Passando poi all'analisi dei fenomeni criminali nei diversi territori della regione, la relazione evidenzia nel capoluogo «focolai di tensione interclanici tesi alla ridefinizione degli equilibri criminali e delle posizioni di vertice» con «conflitti violenti principalmente nei quartieri San Girolamo e San Paolo», mentre in provincia di Bari «persiste il fenomeno della cosiddetta criminalità rurale, riferibile a reati consumati nell'ambito del settore agricolo».

quotidianodipuglia.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

6 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia