Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Relazione della DIA: boss pugliesi continuano a dettare regole dalle carceri

Polizia Penitenziaria - Relazione della DIA: boss pugliesi continuano a dettare regole dalle carceri


Notizia del 03/02/2015 - BARI
Letto (2200 volte)
 Stampa questo articolo


«I vecchi capi continuano a dettare le regole dagli istituti penitenziari nei quali sono rinchiusi (molti con 'fine pena maì)» ma si registrano «pulsioni autonomistiche di neo-aggregazioni criminali». È il quadro che emerge in Puglia dalla relazione della Direzione Investigativa Antimafia, con riferimento al primo semestre del 2014. Le mafie pugliesi, rileva la relazione, presentano «profili di instabilità e mutevolezza» ma le attività illecite prevalenti restano il traffico di droga, l'usura e le estorsioni. «Fattore comune per l'intera regione, complice anche la crisi economica, - si legge nella relazione - è l'aumento delle rapine a mano armata e dei furti in danno di sportelli bancomat, centri scommesse ed in appartamento». Inoltre «la vicinanza geografica con i Balcani favorisce l'interazione dei gruppi locali con realtà criminali di origine straniera e gli importanti scali marittimi della regione ne fanno un crocevia di traffici illeciti».

La Dia sottolinea poi che «destano forte allarme sociale gli atti intimidatori perpetrati nei confronti di alcuni rappresentanti degli enti pubblici territoriali, che inducono a non sottovalutare il potenziale criminale delle locali organizzazioni, in grado anche di condizionare le pubblica amministrazione, come registrato per il comune di Cellino San Marco(Brindisi), sciolto ad aprile per infiltrazione mafiosa».

Passando poi all'analisi dei fenomeni criminali nei diversi territori della regione, la relazione evidenzia nel capoluogo «focolai di tensione interclanici tesi alla ridefinizione degli equilibri criminali e delle posizioni di vertice» con «conflitti violenti principalmente nei quartieri San Girolamo e San Paolo», mentre in provincia di Bari «persiste il fenomeno della cosiddetta criminalità rurale, riferibile a reati consumati nell'ambito del settore agricolo».

quotidianodipuglia.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

6 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

7 Catturato il detenuto marocchino che non era rientrato a Mamone dopo il lavoro esterno

8 Niente ventilatori nel carcere di Sollicciano: la rete elettrica del carcere non reggerebbe

9 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

10 Due detenuti non rientrano dai permessi nel carcere minorile di Torino


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto