Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Resta nel carcere di Parma il boss Enrico Nicoletti della banda della Magliana

Polizia Penitenziaria - Resta nel carcere di Parma il boss Enrico Nicoletti della banda della Magliana


Notizia del 17/05/2012 - PARMA
Letto (3144 volte)
 Stampa questo articolo


Il Tribunale di sorveglianza ha detto no alla richiesta di arresti domiciliari presentata dagli avvocati del boss. Speravano che i giudici accogliessero la loro tesi, pensavano che gli argomenti da loro sostenuti avessero persuaso.

Il ragionamento sostenuto dai difensori puntava su due aspetti: le condizioni di salute di Nicoletti: 75 anni, depresso, sulla sedia a rotelle. E il costo che egli rappresenta per l'Amministrazione penitenziaria, chiamata a occuparsi di un detenuto in condizioni critiche, sottoposto a cure presso il Centro clinico del carcere di Parma. Il Tribunale però ha respinto. Per ora l'ex cassiere della Magliana deve rimanere in carcere. Le sue condizioni fisiche non sarebbero così preoccupanti da renderlo incompatibile con la detenzioneb.

La prospettiva di essere rinchiuso tra le quattro mura di un istituto penitenziario era stato l'incubo di Nicoletti sin dalla sera del suo arresto per sei anni e sei mesi di cumulo pene. Condanne legati a casi di rapina, usura ed estorsione relativi a procedimenti che vanno dal 1999 al 2003. Il 27 febbraio scorso, ai carabinieri della stazione di Tor Vergata che erano andati a prenderlo nella sua casa nel consorzio di Torre Gaia, lo aveva detto subito e chiaramente: «Io non vado a morire in carcere». Il difensore, l'avvocato Massimo Biffa, aveva tentato di ottenere che il suo assistito scontasse la pena presso il domicilio. I militari del luogotenente Enrico Mastronardi non avevano esitato. Lo avevano portato al pronto soccorso del policlinico Tor Vergata dove era stato visitato dai medici. Dopo circa sette ore, alla fine i sanitari non avevano avuto dubbi: le condizioni fisiche di Enrico Nicoletti erano compatibili con il regime carcerario. L'avvocato Biffa aveva polemizzato: «Non posso certo gridare allo scandalo ma nei casi in cui ci si trova in presenza di un "giudicato parziale" la prassi suggerisce l'attesa della sentenza anche sulle questioni oggetto di rinvio da parte della Cassazione prima dell'emissione dell'ordine di esecuzione. Ma evidentemente per Nicoletti non è così».

www.iltempo.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”