Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Revoca del 41-bis a Bernardo Provenzano: a sorpresa il parere favorevole della DNA

Polizia Penitenziaria - Revoca del 41-bis a Bernardo Provenzano: a sorpresa il parere favorevole della DNA


Notizia del 10/10/2013 - ROMA
Letto (3677 volte)
 Stampa questo articolo


Più vicina la revoca del 41-bis a Bernardo Provenzano: dopo il parere favorevole della DNA, gli avvocati difensori attendono ora la decisione del Tribunale di Sorveglianza.

Dopo le Procure di Palermo, Firenze e Caltanissetta anche la Direzione Nazionale Antimafia apre alla revoca del carcere duro per il boss Bernardo Provenzano. Una decisione in contrasto con la linea tenuta finora dalla Direzione, che solo qualche settimana fa si era detta contraria alla sospensione del 41 bis per il capomafia. La svolta è arrivata oggi, quando davanti al tribunale di sorveglianza di Roma, che deve decidere se accogliere l'istanza dei legali di Provenzano, il sostituto procuratore antimafia Gianfranco Donadio ha chiesto una nuova perizia sullo stato mentale del boss e in subordine, sollecitato dai giudici a pronunciarsi sul merito, che venga accolta l'istanza degli avvocati.

La decisione del tribunale di sorveglianza nei prossimi giorni

Il tribunale non si è ancora pronunciato: la decisione è attesa nei prossimi giorni e potrebbe prevedere nuovi accertamenti peritali sul padrino di Corleone o entrare nel merito accogliendo o respingendo il ricorso. A sostegno della loro istanza gli avvocati Rosalba Di Gregorio e Maria Brucale hanno prodotto l'ultima perizia fatta da due esperti nominati dal gip di Palermo nell'ambito del procedimento sulla trattativa Stato-mafia in cui Provenzano è imputato. I periti hanno ribadito l'incapacità del boss a partecipare coscientemente al processo che resta sospeso fino a modifiche sostanziali delle sue condizioni. Il pm della Dna, però, ha chiesto oggi di accertare se l'incapacità del boss è relativa, cioè riguarda solo la possibilità di stare in giudizio, o assoluta. In subordine Donadio si è detto favorevole all'accoglimento della richiesta di revoca.

Il parere negativo della Dna qualche settimana fa

Solo qualche mese fa la Direzione Nazionale aveva espresso parere negativo al Guardasigilli sostenendo che Provenzano è ancora capace di mandare messaggi all'esterno e quindi resta un soggetto pericoloso, requisito che la legge richiede per il mantenimento del regime detentivo speciale. Quella della revoca del 41 bis è solo una delle strade che i legali stanno percorrendo. Nei mesi scorsi è stata presentata al tribunale di sorveglianza di Bologna un'istanza di sospensione dell'esecuzione della pena motivata con le gravissime condizioni di salute del boss. La richiesta è stata respinta e i giudici hanno ribadito la pericolosità del capomafia. Pende ancora, invece, davanti alla Corte europea dei Diritti dell'Uomo un ricorso in cui i legali chiedono la condanna dell'Italia per "il trattamento carcerario disumano" che sarebbe imposto a Provenzano. La Corte ha chiesto una serie di documenti e approfondimenti al Governo italiano.

rainews24.rai.it

Provenzano, negata revoca del 41-bis, per Tribunale di Sorvegliana guida ancora la mafia

 

Direzione Nazionale Antimafia contraria alla revoca del 41bis a Bernardo Provenzano

 

Provenzano verso la revoca del 41bis: c'è il parere favorevole delle Procure

 

Procura di Parma: Provenzano è incapace di sostenere un colloquio

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

6 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

7 Catturato il detenuto marocchino che non era rientrato a Mamone dopo il lavoro esterno

8 Niente ventilatori nel carcere di Sollicciano: la rete elettrica del carcere non reggerebbe

9 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

10 Due detenuti non rientrano dai permessi nel carcere minorile di Torino


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto