“Mi dispiace che ci siano partiti che usano le tematiche carcerarie per fare propaganda politica, per me il più grande rammarico è quello di non essere riuscito a varare con questo Governo la riforma dell’ordinamento penitenziario”.

" />

  Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

Polizia Penitenziaria - Riforma Carceri: Orlando getta la spugna


Notizia del 17/05/2018 - ROMA
Letto (2602 volte)
 Stampa questo articolo


“Mi dispiace che ci siano partiti che usano le tematiche carcerarie per fare propaganda politica, per me il più grande rammarico è quello di non essere riuscito a varare con questo Governo la riforma dell’ordinamento penitenziario”.

Alla fine il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, scioglie la riserva proprio davanti al personale del Corpo che celebrano oggi il 201esimo anniversario della fondazione del corpo di Polizia Penitenziaria, per gettare la spugna senza più nascondersi dietro l’ambiguità e l’ipocrisia che avevano caratterizzato le sue uscite precedenti. Non ci sarà alcun decreto al Consiglio dei ministri del 18 maggio, l’ultimo con questo governo in carica la cui maggiorana si è dissolta lo scorso 4 marzo. E se è vero che esistono partiti - come Lega e Movimento 5 Stelle - che usano vergognosamente la questione giustizia e la sua appendice carceraria per fare campagne del tipo “buttate la chiave” come scorciatoia per il consenso popolare, salvo invocare il garantismo quando viene pizzicato qualcuno dei loro, è altrettanto vero che ne esistono degli altri, come il Partito Democratico, che con il proprio malinteso senso dell’opportunismo hanno persino fatto peggio. Non avendo avuto il coraggio di comunicare ai propri elettori la necessità di questa riforma, riconosciuta da tutti i magistrati italiani tranne – forse – Piercamillo Davigo, quelli come Orlando hanno fatto un doppio autogol. Da una parte sono stati indicati come quelli che vogliono svuotare le carceri, dall’altra come quelli che non hanno il coraggio delle proprie idee politiche e delle proprie riforme. Un disastro che poi ha portato ai risultati che tutti sanno.

Adesso cade questo ultimo bastione di ipocrisia, così Orlando neanche dovrà fare la fatica di dire che “lui ci ha provato ma Paolo Gentiloni non ne ha voluto sapere”. O che “la questione è troppo delicata perché la affronti un Governo uscente”. Tutte balle a quattro piani per nascondere il vero volto di una forza politica che ormai non riesce a trovare il senso ontologico della propria stessa sopravvivenza. Né carne né pesce, né garantista né forcaiola. Distrutta da quel maledetto “ma anche” di veltroniana memoria.

Fonte:opinione.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

7 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto