Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Rischio riciclaggio dei soldi della camorra nel carcere di Napoli Poggioreale

Polizia Penitenziaria - Rischio riciclaggio dei soldi della camorra nel carcere di Napoli Poggioreale


Notizia del 09/05/2012 - NAPOLI
Letto (2600 volte)
 Stampa questo articolo


''Movimentazione record di denaro nel carcere di Napoli Poggioreale, tra i piu' affollati d'Italia con piu' di 2.700 detenuti presenti a fronte di una capacita' regolamentare della struttura di circa 1.500 posti letto. 640mila euro ogni mese, 8 milioni di euro all'anno, senza tracciabilita' e con il rischio di manovre neppure troppo oscure della camorra''.

La denuncia e' del SAPPE, sindacato della Polizia penitenziaria, che riferisce di aver informato il presidente del Consiglio Mario Monti e i ministri di Interno e Giustizia Cancellieri e Severino. Spiega Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo Polizia penitenziaria: ''Nella Casa circondariale di Napoli Poggioreale la movimentazione di denaro che entra in istituto ogni mese e' di circa 640 mila euro per un totale di circa 8 milioni di euro, al netto di eventuali vaglia postali, in mano ai reclusi. In occasione dei circa 600 colloqui che vi si tengono ogni giorno, a causa del versamento presso l'ufficio del Bollettario di una somma di denaro che puo' raggiungere gli ottocento euro mensili, tenuto conto che ogni recluso ha a disposizione un tetto massimo di circa 200 euro settimanali, entra negli otto padiglioni un fiume di denaro: vale a dire che, poiche' in ogni cella si trovano otto-dieci reclusi, ogni camera di detenzione puo' disporre di quasi otto mila euro al mese''.

Secondo Capece ''vi sarebbe allora da spiegare tale movimentazione record di denaro, che non lascia alcuna tracciabilita', dal momento che non puo' non sorgere il sospetto che si tratti di compensi per affiliare e per gli affiliati ai clan camorristici. La perplessita' e' ancora piu' consona se si confrontano i dati con quelli di altre realta' carcerarie nazionali dove ogni detenuto incamera quattro volte di meno. Sembra, invero, che la struttura napoletana sia diventata una palestra criminale, una accademia nella quale la criminalita' organizzata riesce ad allevare e a reclutare manodopera: da non dimenticare quello che accadde anni fa nel padiglione 'Milano', dove si potevano distinguere i capi della camorra dalla manovalanza''.

Il SAPPE sottolinea inoltre che ogni giorno, nel carcere napoletano, ''si buttano circa 2500 pasti al giorno: uno spreco inconcepibile che evidenzia una netta contraddizione, quando dai bollettari compilati dal personale del Corpo emergono cifre e bilanci che rendono superfluo il vitto fornito dall'Amministrazione, a fronte delle numerosissime richieste che pervengono al sopravvitto: un volume di denaro da far impallidire una societa' per azioni quotata in borsa. Di fatto i due terzi del cibo preparato e pagato dallo Stato finiscono nella spazzatura: e questo e' vergognoso oltreche' immorale in tempi di crisi come quelli attuali''. Ma anche questa sarebbe una manovra della camorra per acquisire consenso tra i detenuti: ''la maggior parte dei detenuti cucina in cella e ai piu' indigenti i boss forniscono la sussistenza quotidiana rifornendoli di cibo, che diventa quindi occasione di affiliazione e sottomissione''.

ANSA

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

6 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia