Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Rischio riciclaggio dei soldi della camorra nel carcere di Napoli Poggioreale

Polizia Penitenziaria - Rischio riciclaggio dei soldi della camorra nel carcere di Napoli Poggioreale


Notizia del 09/05/2012 - NAPOLI
Letto (2640 volte)
 Stampa questo articolo


''Movimentazione record di denaro nel carcere di Napoli Poggioreale, tra i piu' affollati d'Italia con piu' di 2.700 detenuti presenti a fronte di una capacita' regolamentare della struttura di circa 1.500 posti letto. 640mila euro ogni mese, 8 milioni di euro all'anno, senza tracciabilita' e con il rischio di manovre neppure troppo oscure della camorra''.

La denuncia e' del SAPPE, sindacato della Polizia penitenziaria, che riferisce di aver informato il presidente del Consiglio Mario Monti e i ministri di Interno e Giustizia Cancellieri e Severino. Spiega Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo Polizia penitenziaria: ''Nella Casa circondariale di Napoli Poggioreale la movimentazione di denaro che entra in istituto ogni mese e' di circa 640 mila euro per un totale di circa 8 milioni di euro, al netto di eventuali vaglia postali, in mano ai reclusi. In occasione dei circa 600 colloqui che vi si tengono ogni giorno, a causa del versamento presso l'ufficio del Bollettario di una somma di denaro che puo' raggiungere gli ottocento euro mensili, tenuto conto che ogni recluso ha a disposizione un tetto massimo di circa 200 euro settimanali, entra negli otto padiglioni un fiume di denaro: vale a dire che, poiche' in ogni cella si trovano otto-dieci reclusi, ogni camera di detenzione puo' disporre di quasi otto mila euro al mese''.

Secondo Capece ''vi sarebbe allora da spiegare tale movimentazione record di denaro, che non lascia alcuna tracciabilita', dal momento che non puo' non sorgere il sospetto che si tratti di compensi per affiliare e per gli affiliati ai clan camorristici. La perplessita' e' ancora piu' consona se si confrontano i dati con quelli di altre realta' carcerarie nazionali dove ogni detenuto incamera quattro volte di meno. Sembra, invero, che la struttura napoletana sia diventata una palestra criminale, una accademia nella quale la criminalita' organizzata riesce ad allevare e a reclutare manodopera: da non dimenticare quello che accadde anni fa nel padiglione 'Milano', dove si potevano distinguere i capi della camorra dalla manovalanza''.

Il SAPPE sottolinea inoltre che ogni giorno, nel carcere napoletano, ''si buttano circa 2500 pasti al giorno: uno spreco inconcepibile che evidenzia una netta contraddizione, quando dai bollettari compilati dal personale del Corpo emergono cifre e bilanci che rendono superfluo il vitto fornito dall'Amministrazione, a fronte delle numerosissime richieste che pervengono al sopravvitto: un volume di denaro da far impallidire una societa' per azioni quotata in borsa. Di fatto i due terzi del cibo preparato e pagato dallo Stato finiscono nella spazzatura: e questo e' vergognoso oltreche' immorale in tempi di crisi come quelli attuali''. Ma anche questa sarebbe una manovra della camorra per acquisire consenso tra i detenuti: ''la maggior parte dei detenuti cucina in cella e ai piu' indigenti i boss forniscono la sussistenza quotidiana rifornendoli di cibo, che diventa quindi occasione di affiliazione e sottomissione''.

ANSA

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no