Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Rissa tra detenuti a Fossano, Sappe: agenti indifesi sia dal punto di vista pratico sia giuridico

Notizia del 20/01/2012 - CUNEO

Rissa tra detenuti a Fossano, Sappe: agenti indifesi sia dal punto di vista pratico sia giuridico

letto 1835 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Maxi rissa, ieri pomeriggio, nella casa di reclusione di Fossano. A denunciarlo il sindacato di Polizia Penitenziaria SAPPE per bocca del suo segretario provincialeAntonio Amodeo. Una ventina le persone coinvolte, tutte di provenienza nord africana. Gli agenti presenti sono intervenuti per riportare la legalità ma purtroppo uno di loro, un agente capo, è stato colpito da una "sgabellata" ed è stato costretto a ricorrere alle cure del Pronto Soccorso. 

Una volta di più, come se ce ne fosse bisogno, torna di attualità, anche nella nostra provincia, la spinosa questione delle carceri. "Il sovraffollamento non è propriamente il caso di Fossano - evidenzia Amodeo. Certo, a fronte di una capacità ricettiva di 120 unità qui si contano 155 detenuti, ma non sono numeri allarmanti. Gli agenti però sono solo una settantina: il vero problema è questa sproporzione".

La casa di reclusione di Fossano, come quella di Saluzzo, ospita detenuti che devono scontare pene inferiori ai 3 anni. In più i detenuti non vivono rinchiusi nelle celle, ma per la maggior parte del tempo stanno insieme, in una condizione, quindi, di socialità. "La situazione a Fossano è sempre stata piuttosto tranquilla - continua Amodeo. Problemi ci sono stati a Saluzzo, ma a Fossano no. Quindi quanto accaduto è un pericoloso campanello d'allarme. Sul quale è bene tenere alta l'attenzione. Le cause di quanto accaduto sono in via di accertamento, ma ciò che preme evidenziare è la condizione degli agenti: non hanno possibilità di difendersi, sono disarmati sia dal punto di vista materiale che sotto il profilo giuridico".
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

6 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

7 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

8 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

9 Palermo, i familiari di Francesca Morvillo lasciano la fondazione Giovanni Falcone

10 Lanciano, poliziotti penitenziari costretti a saltare i pasti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?