Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Rissa tra detenuti albanesi e marocchini nel carcere di Potenza: Polizia Penitenziaria evita il peggio

Polizia Penitenziaria - Rissa tra detenuti albanesi e marocchini nel carcere di Potenza: Polizia Penitenziaria evita il peggio


Notizia del 08/05/2014 - POTENZA
Letto (2599 volte)
 Stampa questo articolo


Il Sappe, sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria, lancia un nuovo allarme sulla situazione del carcere di Potenza in condizioni di sovraffollamento. Questa mattina, fa sapere la sigla sindacale, si e' accesa una rissa tra detenuti di nazionalita' marocchina ed albanese non appena gli stessi hanno avuto accesso ai cortili per la permanenza all'aperto.

"Soltanto l'immediato intervento di tutto il personale di Polizia Penitenziaria in servizio ha evitato il peggio e, mettendo a rischio la propria incolumita', ha saputo egregiamente riportare l'ordine e la sicurezza nel reparto detentivo - sostiene Saverio Brienza, segretario regionale del Sappe -. Questo e' avvenuto soltanto a distanza di pochi giorni quando altri detenuti, venendo alle mani, hanno colpito anche un assistente capo di Polizia Penitenziaria costringendolo alle cure presso il pronto soccorso dell'ospedale San Carlo di Potenza. E' una situazione che si fa sempre piu' incandescente, soprattutto da quando la popolazione detenuta da qualche mese e' raddoppiata, nonostante la fortissima carenza di personale nel capoluogo lucano".

Il sindacato ha chiesto all'amministrazione penitenziaria di "fronteggiare l'emergenza di Potenza anche con altri provvedimenti come ad esempio quello di pensare alla costruzione di un nuovo istituto e quello di inviare con immediatezza personale per rinforzare l'attuale organico che non riesce piu' a gestire una situazione ormai al collasso".

In effetti , dice Brienza, mentre l’Amministrazione Penitenziaria si inventa assurde teorie trattamentali nei confronti dei detenuti , del tutto lontane da quelle che dovrebbero, invece, tendere a garantire maggiore sicurezza all’interno dei penitenziari italiani , il personale del Corpo di Polizia Penitenziaria, come quello potentino, è costretto a fronteggiare continue emergenze che sfociano in violenze e atti turbativi alla sicurezza che vengono poste in essere da chi abitualmente delinque e non ha molto da perdere.

I vertici dell’Amministrazione Penitenziaria di Roma , però, vivendo in una realtà molto lontana dalla quella decentrata, dove non sono certamente loro a sostenere gli episodi di criticità, dove non sono certamente loro ad intervenire in situazioni di violenza e di pericolo, nella totale cecità sia per la carenza di organico della Polizia Penitenziaria, sia di risorse economiche che di mezzi, hanno predisposto che tutti gli istituti di pena devono creare reparti dove i detenuti devono avere la totale libertà di muoversi, pur essendo tali reparti privi di sistemi di allarme, privi di adeguata strumentazione di video sorveglianza, di antiaggressione e di antiscavalcamento murario.

In pratica i reclusi , vengono aperti dalle proprie celle ogni mattina e vengono rinchiusi la sera , trascorrendo le giornate nel dolce far niente o peggio , nell’organizzare risse, violenze sui più deboli , magari evasioni e tanto altro ancora.

liberoquotidiano.it - Sappeinforma

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE BASILICATA
Statistiche carceri Regione Basilicata







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 In fuga ed è pericoloso: arrestato dopo sparatoria con la Polizia di Stato, piantonato in ospedale riesce a fuggire

3 Detenuto evade da ospedale: arrestato dopo qualche ora

4 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Baby boss nelle carceri minorili: M5S conto i 25enni nelle carceri minorili

8 Detenuto frattura un dito ad Ispettore di Polizia Penitenziaria di Imperia: non voleva rientrare dalle celle aperte

9 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

10 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Stabilimento balneare di Roma-Maccarese: quando la Polizia Penitenziaria è ospite (indesiderato) a casa sua.

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 Carceri al collasso. La soluzione? Uova, uova di quaglia per tutti