Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Rivolta Ancona, Dap allontana i detenuti responsabili dei disordini

Notizia del 10/12/2011 - ANCONA

Rivolta Ancona, Dap allontana i detenuti responsabili dei disordini

letto 1858 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

“La rivolta accaduta nel carcere di Ancona testimonia drammaticamente la situazione nella quale versano gli Istituti penitenziari italiani”. Lo afferma Donato Capece, segretario generale del sindacato autonomo polizia penitenziaria Sappe, all’indomani della rivolta nel carcere Montacuto di Ancona.
 
“E’ l’ora che tutti, a cominciare dai vertici nazionali e regionali dell’amministrazione penitenziaria, abbiano piena consapevolezza del problema ed affrontino l’emergenza in atto con provvedimenti seri e concreti, - osserva in una nota - certo non varando disposizioni allo stato improponibili come la classificazione dei detenuti secondo codici colorati di pericolosità e il permettere loro di girare liberamente nelle strutture detentive, oggi tutte sovraffollate e nel contempo spesso fatiscenti’’.
 
“Un classico esempio di come la pratica - fatta di rivolte, aggressioni, suicidi e tentativi di suicidio, risse e tensioni continue nelle carceri italiane, con i poliziotti penitenziari in prima linea a contrastare la violenza di una parte, ancorché minoritaria, di detenuti - sia ben altra cosa rispetto alla teoria”.
 
Il Provveditorato regionale, già ieri, appena rientrata l'emergenza a Montacuto, aveva sottoposto i detenuti coinvolti nella rivolta a consiglio di disciplina, disponendo l'isolamento. Oggi l'organo ha allontanato nove carcerati, trasferendoli in altri istituti di pena delle Marche: a Villa Fastiggi di Pesaro, Marino del Tronto (Ascoli) e Camerino. Si aspettano provvedimenti analoghi per gli altri detenuti, per la maggior parte maghrebini, che hanno partecipato alla protesta.

‘’Io spero che se ne mandino via almeno altri 50’’, ha detto Di Giacomo, ricordando però che oltre al problema del sovraffollamento e alle condizioni di estrema precarietà in cui vivono i detenuti (carta igienica, dentifricio e detersivi distribuiti con tempi troppo lunghi; turni per le docce; termosifoni che non funzionano e celle umide; carcerati costretti a dormire su materassi a terra), c’è anche il problema del personale di polizia penitenziaria carente, con agenti che dovrebbero fare 6 ore ma arrivano fino a 10, e che in alcuni casi non vanno in ferie da due anni. ‘’Ancona - ha concluso - è il quinto carcere in Italia per carenze di organico’’.
 

STATISTICHE CARCERI REGIONE MARCHE
Statistiche carceri Regione Marche







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”