Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Roma, fanno esplodere petardi sotto casa, poliziotto scende e li prende a manganellate: condannato

Polizia Penitenziaria - Roma, fanno esplodere petardi sotto casa, poliziotto scende e li prende a manganellate: condannato


Notizia del 27/03/2016 - ROMA
Letto (1345 volte)
 Stampa questo articolo


Era sceso in mutande e ciabatte con lo sfollagente di servizio per punire a manganellate due liceali che esplodevano petardi sotto casa. E non soddisfatto, aveva chiesto l'aiuto di un collega che abitava nello stesso comprensorio di Casal Lumbroso avvertendolo: «Ci sono due ragazzi da sistemare. Vieni fuori senza pistola che li ammazziamo con le mani». Il collega, invece, preoccupato, era sceso armato. Ora per Salvatore C., agente della polizia penitenziaria è arrivata la condanna a due mesi di reclusione per lesioni. Assolto con formula piena invece l'altro agente di polizia. La procura aveva chiesto tre mesi di carcere per entrambi.

I due agenti - Salvatore C., 35 anni, e Domenico U., 46 anni, - secondo la ricostruzione del pm onorario, nel novembre 2011 avevano ridotto ad una maschera di sangue Shadi e Gabriele, due studenti del Malpighi, allora appena diciottenni.

 

L'INTERVENTO

Le vittime erano state, colpite a manganellate all'improvviso, «da un uomo sceso da casa, in pieno inverno, in ciabatte, pantaloncini, canottiera e sfollagente», poi si era vantato di essere un poliziotto, e dopo il pestaggio, erano finiti in ospedale. Ad avere la peggio era stato Shadi: per lui era stato necessario anche un intervento al setto nasale e una settimana di ricovero.

L'aggressione era avvenuta in un comprensorio abitato da personale del ministero della Giustizia, a Casal Lumbroso. I due giovani (uno è figlio di un funzionario ministeriale) avevano appena esploso dei petardi, quando si erano sentiti chiamare dal condomino in slip: «Sono un poliziotto, datemi i documenti figli di p... senno' v'ammazzo»». Shadi allora aveva chiesto il tesserino e l'agente, irritato, aveva chiamato il vicino e collega invitandolo, però, a scendere senza pistola: «Gliele diamo con le mani».

 

Il poliziotto, invece, temendo il peggio, si era precipitato con la pistola d'ordinanza. «Sparagli alle gambe, se cercano di scappare», gli avrebbe intimato allora l'agente in ciabatte. L'accusa, però, ha chiesto l'assoluzione per l'utilizzo del manganello perché non ne sarebbe stato dimostrato l'utilizzo. Forse era solo un retino da pesca, come ha ventilato la difesa. L'avvocato Juan Carlos Gentile, che assiste Shadi e la famiglia, parti civili nel processo, nell'arringa aveva puntualizzato: «E' impossibile che un retino possa aver spaccato persino la custodia degli occhiali che il ragazzo aveva nel giubbotto». La sentenza ha stabilito anche un risarcimento per i due ragazzi: settemila euro a Shadi e tremila a Gabriele.

 

ilmattino

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Bambino di 5 anni muore in piscina: il papà è un Agente della Polizia Penitenziaria

2 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Agente di Polizia Penitenziaria e arbitro per i detenuti AS: nuovo posto di servizio nel carcere di Terni

5 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

6 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

7 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

8 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

9 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

10 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

4 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

7 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

8 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

9 Il malessere del Corpo in una lettera a un quotidiano di Alessandria

10 Salvatore Riina riamarrà in carcere al 41-bis: lo ha deciso il Tribunale di Sorveglianza che ha rigettato le richieste dei suoi avvocati