Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Salvatore Buzzi minacciato in carcere: in sezione 41-bis per sicurezza

Polizia Penitenziaria - Salvatore Buzzi minacciato in carcere: in sezione 41-bis per sicurezza


Notizia del 17/09/2015 - NUORO
Letto (2725 volte)
 Stampa questo articolo


«I pentimenti li facciamo all’aria». Una minaccia tutt’altro che velata rivolta dai detenuti a Salvatore Buzzi, il presunto «braccio imprenditoriale» di Mafia Capitale. La sua collaborazione con l’autorità giudiziaria non è passata inosservata ai suoi «compagni» di prigione. L’ex dominus della coop 29 Giugno sarebbe stato aggredito il 2 luglio scorso nella casa circondariale di Nuoro. Per questo, a distanza di poche ore, ha chiesto «l’isolamento» nella sezione del 41 bis.

«I PENTIMENTI RELIGIOSI»

Buzzi racconta agli agenti della penitenziaria che «per via dei servizi televisivi andati in onda, con riferimento alla notizia del pentimento religioso (la lettera inviata al Papa ndr.), che è stato equivocato in pentimento giudiziario, ho avuto modo di capire che l’ambiente della Sezione, sebbene sia stato tollerante dopo i due interrogatori del 23 e 24 giugno a Cagliari, ora è diventato ostile. Ieri sera, dopo i telegiornali, infatti, i detenuti della Sezione hanno iniziato a gridare nei miei confronti frasi del tipo: “Andiamo a fare i pentimenti religiosi, i pentimenti li facciamo all’aria (nel cortile del carcere, ndr)». «Per queste ragioni – aggiunge l’indagato – oggi non sono andato all’aria e ho deciso di chiedere l’isolamento e il divieto di incontro con tutta la popolazione detenuta. Alcuni detenuti, dei pochi in Sezione di cui ancora mi fido, mi hanno riferito di essere stati avvicinati da altri ristretti che gli hanno detto perché ancora mi frequentano e perché non fossi ancora stato sbattuto fuori dalla cella e dall’intero reparto».

«AL 41BIS PER SICUREZZA»

«Al fine di tutelare la sua incolumità – spiega il comandante della penitenziaria in un’informativa – ho disposto un divieto di incontro con tutta la restante popolazione detenuta (…). Preso atto della situazione, suggerisco come l’allocazione idonea per il detenuto Buzzi non possa che essere la Semisezione già 41bis, attualmente priva di detenuti che, per la sua conformazione strutturale è l’unica opzione in grado di garantire in questa sede la sicurezza del detenuto e dell’istituto stesso».

iltempo.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE SARDEGNA
Statistiche carceri Regione Sardegna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

8 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico