Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Sangue nelle scarpe del detenuto suicida a marzo 2011 e testimone di un processo agli agenti

Notizia del 07/01/2012 - BARI

Sangue nelle scarpe del detenuto suicida a marzo 2011 e testimone di un processo agli agenti

letto 2586 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

C’è forse un giallo che potrebbe riaprire il caso della morte di Carlo Saturno, il detenuto manduriano trovato in fin di vita il 29 marzo del 2011 nel carcere di Bari e ricoverato in rianimazione dove morì otto giorni dopo. In una delle sue scarpe sono state trovate macchie di sangue di cui s’ignorava la presenza. Il giovane, che aveva 22 anni, fu trovato impiccato alla sbarra del letto e non presentava ferite sanguinanti. A scoprire le tracce sono stati i familiari quando hanno ritirato gli effetti personali dal penitenziario barese.

Il sangue, copioso e oramai raggrumato ma, a quanto dicono i parenti, riconoscibilissimo, si troverebbe all’interno della scarpa e non all’esterno «come se qualcuno avesse provveduto a pulirla», sostengono i fratelli di Saturno che hanno depositato il reperto alla procura della Repubblica di Bari dove è ancora in corso un inchiesta per istigazione al suicidio condotta dai pubblici ministeri Pasquale Drago e Isabella Ginefra. L’avvocatessa Tania Rizzo, del foro di Lecce, che rappresenta una delle sorelle Saturno, ha già chiesto una perizia che identifichi la natura ed eventualmente l’appartenenza del sangue.

Saturno era in carcere in attesa di giudizio perché accusato di furto ed era, tra l'altro, vittima-testimone nel processo in corso a Lecce a carico di nove agenti di polizia penitenziaria dell’istituto minorile accusati di violenze su di lui ed altri minori detenuti avvenute nel 2006. Il suo presunto suicidio non convinse il magistrato di turno che chiese l’esame autoptico il cui esito non è ancora noto ai familiari né ai loro legali. Il giorno prima che s’impiccasse, Saturno aveva avuto un furioso scontro con due agenti di custodia. Per quella colluttazione che ad una delle guardie costò la frattura di una mano, il detenuto incassò un nuovo ordine di carcerazione. Questa vicenda alimentò i sospetti dei parenti che arrivarono ad ipotizzare un pestaggio seguito dall’omicidio del loro congiunto. Accusa questa sempre respinta dalla categoria con le stellette. «Voglio ricordare che l’inchiesta è ancora in corso - dice l’avvocatessa Rizzo - e i sindacati della polizia penitenziaria farebbero bene a vigilare per isolare e denunciare gli episodi di aggressività che molti processi e sentenze stanno portando alla luce. Questo anche a tutela della loro stessa categoria».

corrieredelmezzogiorno.corriere.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”