Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Santi Consolo: tre milioni di euro per sistemare Sollicciano comprese strutture per Agenti

Polizia Penitenziaria - Santi Consolo: tre milioni di euro per sistemare Sollicciano comprese strutture per Agenti


Notizia del 12/02/2016 - FIRENZE
Letto (1090 volte)
 Stampa questo articolo


Il capo del ministero visita il carcere: grazie ai fondi docce in ogni cella, nuovo tetto, più spazi esterni e materassi. Una doccia in ogni cella, nuovi tetti impermeabili anti infiltrazioni, triplicazione dei passeggi esterni, nuova cucina e nuovi materassi. In arrivo profonde ristrutturazioni nel carcere di Sollicciano, uno degli istituti penitenziari più degradati d'Italia.

Ad annunciarle Santi Consolo, capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria italiana, al termine del lungo incontro di ieri pomeriggio nel carcere fiorentino, un importante sopralluogo con la nuova direttrice arrivato all'indomani delle ispezioni ministeriali dello scorso ottobre e del drammatico guasto al riscaldamento che, pochi giorni fa, ha lasciato al gelo centinaia di detenuti per quasi una settimana. Condizioni critiche, quelle all'interno di Sollicciano, per cui il ministero della Giustizia si è impegnato con uno stanziamento di 3 milioni di euro soltanto per il 2016, una grossa fetta dei 13 milioni di euro complessivi destinati a tutte le carceri italiane nello stesso anno.

Tra i cambiamenti più importanti, è prevista l'installazione di una doccia in ogni cella. Una vera e propria rivoluzione, che consentirà a tutti i reclusi di lavarsi all'interno della cella, dove attualmente ci sono soltanto un piccolissimo lavandino e un wc. Ristrutturazione in vista anche per i tetti. Secondo quanto concordato durante l'incontro di ieri, saranno ristrutturate le coperture per una superficie totale di 6 mila metri quadrati, rendendo i tetti impermeabili alle infiltrazioni.

Sono proprio le infiltrazioni a costituire uno dei più grandi problemi dell'istituto penitenziario fiorentino, una struttura degradata dall'umidità e dalla muffa in vari tratti di soffitti e pareti. Un lavoro, quello sui tetti, nel quale sono impegnati, oltre a tecnici specializzati, anche alcuni detenuti-lavoratori del carcere. Fra i progetti che riguardano le coperture, c'è anche quella di dotare i tetti di pannelli solari attraverso l'utilizzo di fondi europei.

Cantieri presto aperti, come annunciato dal capo del Dap, anche per il risanamento degli intonaci e per l'ampliamento dei passeggi esterni, dove i detenuti possono incontrare i propri familiari e trascorrere qualche ora della giornata all'aperto. L'idea è quella di triplicare questi spazi, valorizzando ulteriormente anche le attività sportive del carcere come il rugby. In standby da molto tempo c'è anche la costruzione della seconda cucina, opera per cui sono già stati stanziati i fondi, ma i lavori non sono mai partiti.

"Partiranno a breve", hanno assicurato i vertici del Dap dopo l'incontro. Oltre agli interventi per le aree detentive, sono previsti lavori anche per le aree riservate agli agenti penitenziari, tra cui il rifacimento dei servizi igienici obsoleti e la sostituzione della rubinetteria, oltre che la ristrutturazione della palestra. Sarà riqualificata anche la videosorveglianza (per scongiurare evasioni, come già accaduto in passato) e il meccanismo elettronico dell'apertura delle porte automatiche.

Durante la visita, Santi Consolo ha incontrato anche alcuni detenuti, oltre alla nuova direttrice del carcere, i garanti dei reclusi e il cappellano di Sollicciano, Don Vincenzo Russo, che si è detto soddisfatto dell'esito della riunione: "Ho parlato a Consolo a nome dei detenuti e ho ottenuto risposte soddisfacenti, chiare e decise. Siamo fiduciosi e speriamo in un reale cambio di passo nel carcere fiorentino".

Consolo si è soffermato a lungo anche nella sezione femminile, dove ha raccolto le lamentele delle detenute, che nei mesi scorsi avevano scritto una lettera in cui denunciavano la presenza di sporcizia e topi nelle celle. "Abbiamo già provveduto alla derattizzazione - ha detto il capo del Dap. E presto arriveranno nella sezione femminile 50 nuovi materassi". "La presenza di Consolo è stata un segnale importante per riprendere il discorso sulla radicale ristrutturazione di cui ha bisogno Sollicciano", commenta Eros Cruccolini, garante dei detenuti della Toscana.

Corriere Fiorentino

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

5 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

6 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

7 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

8 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

9 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna