Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Sappe: con vigilanza dinamica sono aumentate le aggressioni ai Poliziotti penitenziari

Polizia Penitenziaria - Sappe: con vigilanza dinamica sono aumentate le aggressioni ai Poliziotti penitenziari


Notizia del 27/10/2014 - ROMA
Letto (2032 volte)
 Stampa questo articolo


La drammatica situazione nelle carceri non è dovuta solo al sovraffollamento, ma anche ad alcune scelte dell’amministrazione penitenziaria e a provvedimenti necessari ma mai approvati che hanno avuto gravi ricadute anche sugli agenti. Ce lo spiega Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria.

Perché il calo dei reclusi non è stata una boccata d’ossigeno per voi agenti?

«Perché da un anno a questa parte, il Dap ha dato il via alla “vigilanza dinamica”. Tutti i detenuti, tranne quelli al 41bis, sono liberi di uscire dalle celle e stare nei corridoi. La Polizia Penitenziaria sosta al piano terra, di tanto in tanto sale per un controllo, andando incontro ad aggressione certa».

Le aggressioni sono aumentate nell’ultimo anno?

«Almeno del 70%. Non solo: l’apertura delle celle ha reso più facili i suicidi».

Che nel 2014 sono diminuiti.

«Solo perché ci sono circa 12mila detenuti in meno rispetto agli anni precedenti».

Sono diminuiti anche quelli fra gli agenti?

«No, sono aumentati. Nel 2014 in dieci si sono tolti la vita, l’anno scorso in otto. Se a una situazione familiare difficile si sommano ore di lavoro che mettono a dura prova psicologica, queste sono le conseguenze».

Dunque i progressi dei provvedimenti svuota-carceri sono stati resi vani dalla “vigilanza dinamica”?

«È così. Grazie al ministro Cancellieri che è intervenuta sulla custodia cautelare, e ai magistrati che prevedono sempre di più misure alternative, la situazione era migliorata. Il fenomeno delle “porte girevoli”, ad esempio, cioè dei reclusi che restavano in carcere solo uno o due giorni, si è drasticamente ridotto. Nel 2014 sono stati circa 5mila, a fronte dei 20mila degli anni precedenti. Ma la “vigilanza dinamica” ha nuovamente peggiorato la situazione. Quel provvedimento va ritirato».

In che modo rendere umana la condizione nelle carceri?

«Prevedendo misure alternative per almeno 22mila reclusi che potrebbero esservi destinati. Si sommerebbero ai 100mila che già stanno fuori dalle carceri».

Magari usando il braccialetto elettronico.

«Già, peccato che dei 100mila detenuti “gestiti” fuori dai penitenziari, ce l’abbiano solo 2500».

Il Tempo

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

10 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore