Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Sappe: "Suicidi in carcere, le responsabilità di Asl e sindaci"

Notizia del 09/01/2012 - ROMA

Sappe: "Suicidi in carcere, le responsabilità di Asl e sindaci"

letto 1830 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

"Che la situazione igienico sanitaria delle carceri, dovuta al sovraffollamento, alla carenza di servizi sanitari nonchè alla fatiscenza delle strutture è una cosa nota ormai da tempo. Che tale condizione, porti i detenuti più deboli ad una condizione di sofferenza tanto da instillare istinti suicidi o di autolesionismo è stato detto e scritto in tutte le salse. Che in questo contesto la politica se si esclude Pannella, il Presidente della Repubblica, ed il Papa si è completamente sfilata non ritenendo la questione prioritaria, è un dato acquisito. Purtroppo si deve segnalare che altri enti, quali Sindaci ed ASL, nonostante le reiterate richieste di intervento da parte del SAPPE, sindacato autonomo polizia penitenziaria, per costringere l'Amministrazione Penitenziaria a rispettare le prescrizioni di legge previste in materia di igiene e sanità, non sembrano essere intervenuti in maniera adeguata.

Vogliamo ricordare che invece qualche tempo fa, il sindaco di Pordenone, constatata la grave situazione igienica sanitaria presente nel carcere locale, intimò l'Amministrazione Penitenziaria a ripristinare le condizione minime di vivibilità, pena la chiusura del carcere. Eppure l'art.11 della legge 345/75 e successive modificazioni prevede che "Il medico provinciale (ora ASL) visita almeno due volte l'anno gli istituti di prevenzione e di pena allo scopo di accertare lo stato igienico-sanitario, l'adeguatezza delle misure di profilassi contro le malattie infettive disposte dal servizio sanitario penitenziario e le condizioni igieniche e sanitarie dei ristretti negli istituti. Il medico provinciale (ora ASL) riferisce sulle visite compiute e sui provvedimenti da adottare al Ministero della sanità e a quello di grazia e giustizia informando altresì i competenti uffici regionali e il magistrato di sorveglianza".

Finora questi controlli quando ci sono stati, non sembrano essere stati efficaci considerata la situazione disastrosa in cui versano le carceri pugliesi, mentre sarebbe necessario intimare all'Amministrazione penitenziaria il rispetto delle legge, pena la chiusura della struttura penitenziaria. L´attuale situazione oltre ad andare contro alcune leggi costituzionali ed ordinarie che dovrebbero tutelare i lavoratori nonchè la popolazione detenuta, nè offende la dignità. Il SAPPE nel suo viaggio nei penitenziari pugliesi ha trovato di tutto: stanze di 1,5x 3 metri che ospitano fino a 4 detenuti, oppure stanze per 3 posti con 7,8 detenuti; cubicoli stretti e maleodoranti con il bagno a vista; sezioni detentive in cui cadono pezzi di intonaco; muri scrostati; precaria assistenza sanitaria; mancanza di medicinali; cucine fuori legge; sezioni detentive scarsamente illuminate che emanano cattivi odori dovuti all´ umidità,al fumo passivo,al cibo ; detenuti affetti da diverse patologie, che vivono in maniera promiscua.

A questo punto chiediamo che sia le ASL che i Sindaci, tornino ad appropriarsi dei ruoli assegnati loro per legge, per costringere l'Amministrazione penitenziaria ad adeguarsi, altrimenti risulta essere un esercizio inutile quello di scandalizzarsi del fatto che ogni anno nelle carceri muoiono tanti detenuti e tantissimi altri non ci riescono grazie al soccorso immediato di chi lavora in questa discarica sociale, fatta di tragedie e mancanza di dignità umana". 

www.teleradioerre.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)