Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Scarcerati oggi 5 presunti terroristi: per la Dda si addestravano e reclutavano, per la Cassazione il fatto non sussiste

Polizia Penitenziaria - Scarcerati oggi 5 presunti terroristi: per la Dda si addestravano e reclutavano, per la Cassazione il fatto non sussiste


Notizia del 15/07/2016 - BARI
Letto (3547 volte)
 Stampa questo articolo


La Cassazione ha annullato le condanne inflitte nei confronti di 5 presunti appartenenti alla cellula terroristica con base ad Andria, ordinando l'immediata scarcerazione dei 4 imputati accusati di associazione finalizzata al terrorismo islamico. Annullamento senza rinvio "perché il fatto non sussiste" .

Nei confronti dell'imam Hosni Hachemi Ben Hassen, la Suprema Corte ha annullato la sentenza con rinvio per la rideterminazione della pena solo per il reato di istigazione all'odio razziale.

In primo grado le condanne le pene inflitte furono di 5 anni e 2 mesi di reclusione per l’ex imam di Andria Hosni Hachemi Ben Hassem; 3 anni e 4 mesi per Hammami Mohsen, Ifauoi Nour, Khairredine Romdhane Ben Chedli, e 2 anni e 8 mesi per Chamari Hamdi. Dall’aprile 2013 ,i 5 arrestati erano detenuti dapprima nel carcere di Bari, successivamente furono a Macomèr in Sardegna da dove sono stati scarcerati stamane.

Stando alle indagini della Dda di Bari, tra il 2008 e il 2010 il gruppo, sotto la guida dell'Imam tunisino avrebbe studiato in rete le tecniche per costruire ordigni, si sarebbe addestrato sull'Etna, avrebbe riso delle chiese distrutte in Abruzzo durante il terremoto e avrebbe parlando di odio, di sacrificio, di morte. Per la Dda, l'indottrinamento finalizzato anche al reclutamento di volontari mujaheddin avveniva nel call center gestito dall'imam. Secondo la Cassazione si è trattato solo di parole senza nessun fatto conseguenziale o inizio di attività preparatoria rispetto al capo di imputazione.

andrialive.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

8 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

9 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

10 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore