Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Scarcerazione anticipata per boss della ndrangheta: è un bravo studente

Polizia Penitenziaria - Scarcerazione anticipata per boss della ndrangheta: è un bravo studente


Notizia del 27/08/2015 - REGGIO CALABRIA
Letto (2351 volte)
 Stampa questo articolo


È rimasto per sei anni in carcere Paolo Rosario De Stefano, considerato reggente dell’omonimo e potente clan della ‘ndrangheta di Reggio Calabria e inserito fino al 2009 nell’elenco dei trenta latitanti più pericolosi d’Italia. Lo avevano arrestato sei anni fa dopo una caccia lunga quattro anni e ora è stato liberato ed è tornato a casa. Per De Stefano, secondo la ricostruzione di Strill.it, è arrivato uno sconto di pena di due anni per “meriti universitari”. In carcere, infatti, il detenuto ha deciso di studiare iscrivendosi alla facoltà di giurisprudenza dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria. Finora avrebbe sostenuto quattordici esami tutti superati con ottimi voti.

Meriti che, appunto, lo hanno portato a beneficiare della liberazione anticipata, prevista dall'ordinamento penitenziario per “il condannato a pena detentiva che abbia dato prova di partecipazione all'opera di rieducazione”.

La latitanza di De Stefano, 39 anni, finì il 18 agosto 2009, quando il boss fu scovato dagli agenti del reparto “catturandi” della Squadra Mobile che, dopo una lunga serie di appostamenti, seguirono la moglie e i figli fino a una villetta sul mare a Sant'Alessio Siculo, nei pressi di Taormina. E lì trovarono e arrestarono il capofamiglia.

fanpage.it

"Stava trascorrendo le vacanze a Sant’Alessio siculo a pochi chilometri da Taormina. Se ne andava in giro con le figlie e la moglie come un turista qualsiasi ed aveva preso una casa in affitto con documenti falsi. (...) ricercato dal 2005 (...) era considerato il reggente della cosca più potente di Reggio e figurava nell’elenco dei 30 ricercati più pericolosi d´Italia. L’uomo aveva assunto la guida della cosca dopo l´arresto, nel dicembre 2008, di un altro ”rampollo” del gruppo criminale, Giuseppe De Stefano. Paolo Rosario era stato condannato a otto anni di reclusione per reati di mafia".

”la Repubblica” 19/8/2009

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CALABRIA
Statistiche carceri Regione Calabria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Riordino: chi non vuole i vice questori della Polizia Penitenziaria?