Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Scarcerazione anticipata per boss della ndrangheta: è un bravo studente

Polizia Penitenziaria - Scarcerazione anticipata per boss della ndrangheta: è un bravo studente


Notizia del 27/08/2015 - REGGIO CALABRIA
Letto (2290 volte)
 Stampa questo articolo


È rimasto per sei anni in carcere Paolo Rosario De Stefano, considerato reggente dell’omonimo e potente clan della ‘ndrangheta di Reggio Calabria e inserito fino al 2009 nell’elenco dei trenta latitanti più pericolosi d’Italia. Lo avevano arrestato sei anni fa dopo una caccia lunga quattro anni e ora è stato liberato ed è tornato a casa. Per De Stefano, secondo la ricostruzione di Strill.it, è arrivato uno sconto di pena di due anni per “meriti universitari”. In carcere, infatti, il detenuto ha deciso di studiare iscrivendosi alla facoltà di giurisprudenza dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria. Finora avrebbe sostenuto quattordici esami tutti superati con ottimi voti.

Meriti che, appunto, lo hanno portato a beneficiare della liberazione anticipata, prevista dall'ordinamento penitenziario per “il condannato a pena detentiva che abbia dato prova di partecipazione all'opera di rieducazione”.

La latitanza di De Stefano, 39 anni, finì il 18 agosto 2009, quando il boss fu scovato dagli agenti del reparto “catturandi” della Squadra Mobile che, dopo una lunga serie di appostamenti, seguirono la moglie e i figli fino a una villetta sul mare a Sant'Alessio Siculo, nei pressi di Taormina. E lì trovarono e arrestarono il capofamiglia.

fanpage.it

"Stava trascorrendo le vacanze a Sant’Alessio siculo a pochi chilometri da Taormina. Se ne andava in giro con le figlie e la moglie come un turista qualsiasi ed aveva preso una casa in affitto con documenti falsi. (...) ricercato dal 2005 (...) era considerato il reggente della cosca più potente di Reggio e figurava nell’elenco dei 30 ricercati più pericolosi d´Italia. L’uomo aveva assunto la guida della cosca dopo l´arresto, nel dicembre 2008, di un altro ”rampollo” del gruppo criminale, Giuseppe De Stefano. Paolo Rosario era stato condannato a otto anni di reclusione per reati di mafia".

”la Repubblica” 19/8/2009

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CALABRIA
Statistiche carceri Regione Calabria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

5 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

6 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 La morte di Stefano Cucchi: la disinformazione continua