Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Sciopero autotrasporti: a rischio processo e scarcerazione detenuti mafiosi

Notizia del 24/01/2012 - TARANTO

Sciopero autotrasporti: a rischio processo e scarcerazione detenuti mafiosi

letto 2056 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

E' a rischio un processo di mafia previsto per domani a Bari a causa dei blocchi stradali in corso in tutta Italia e della conseguente mancanza di carburante. Dal carcere di Taranto, infatti, stamane un fax ha informato il Tribunale del capoluogo pugliese circa il fatto che, a causa della protesta, le camionette del penitenziario sono rimaste senza benzina e, per questo motivo, domani mattina potrebbe diventare impossibile il trasferimento di quattro imputati. Il processo, denominato 'Liberta'', si sta tenendo nell'aula bunker di Bitonto.

Il giudice Giovanni Abbattista ha replicato sostenendo che occorrera' trovare una soluzione alternativa per portare a Bari gli imputati. Il rischio e' che l'udienza salti, ma anche che i termini di custodia cautelare possano scadere e questo potrebbe addirittura significare il ritorno in liberta' per gli imputati detenuti. Sotto processo, che e' alle fasi finali, ci sono 33 presunti affiliati al clan Strisciuglio, accusati di associazione mafiosa, traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e porto di armi clandestine e da guerra, rapine, estorsioni. La pm Desiree Digeronimo ha gia' presentato le proprie richieste di condanna.

Una conferma arriva dal segretario nazionale del Sindacato autonomo di polizia penitenziaria (SAPPE), Federico Pilagatti che sottolinea come ''questa volta non e' la carenza di carburante a seguito del mancato pagamento dei fornitori da parte dell'Amministrazione Penitenziaria a mettere a rischio traduzioni, accompagnamenti in ospedale o presso le aule di giustizia dei detenuti. Abbiamo notizia che a Taranto, come in altri posti, a causa di carenza di carburante, ci sarebbero detenuti che non potranno partecipare a delle udienze dibattimentali a loro carico che si terranno in sedi lontane dalla sede di detenzione". "Forse a Taranto la questione piu' delicata - rileva - ma la mancanza di carburante si fa sentire presso tutti i penitenziari pugliesi, anche perche' non ci sono erogatori di carburante interni alle carceri e l'unico carburante disponibile e' quello che si trova presso le pompe di benzina ormai a secco quasi dovunque. Altro serio pericolo derivante dai blocchi o dai rallentamenti alla circolazione - fa notare Pilagatti - e' determinata dal pericoloso rallentamento degli automezzi della Polizia Penitenziaria che trasportano detenuti pericolosi''.

Adnkronos

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Si è tolto la vita impiccandosi il Poliziotto penitenziario accusato dalla figlia di averla violentata

2 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

3 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

4 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

9 Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi

10 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Dopo dieci anni di blocco contrattuale, un rinnovo da sfigati ... un misero caffè al giorno

5 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria

10 Il servizio di tutoring e la beneficienza all''amministrazione