Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Scoperto telefonino nel carcere di Trieste: era nascosto in una doccia

Polizia Penitenziaria - Scoperto telefonino nel carcere di Trieste: era nascosto in una doccia


Notizia del 19/11/2015 - TRIESTE
Letto (1426 volte)
 Stampa questo articolo


Una sorta di “cabina telefonica” per detenuti all’interno del Coroneo. Ovvero, più esattamente, un cellulare illegale attraverso il quale comunicare con l’esterno in modo sicuro con la certezza di non essere intercettati perché nessuno ne conosce l’esistenza. Quel cellulare è stato trovato in una doccia al secondo piano del carcere non lontano, da quanto si è saputo, da una cella dove sono reclusi alcuni detenuti romeni.

A scoprire il telefonino, perfettamente funzionante, sono stati gli agenti della Polizia Penitenziaria durante un controllo, particolarmente approfondito, avvenuto il 17 novembre nel terzo braccio della casa circondariale. Ma la notizia è trapelata solo il 18, il giorno dopo, uscendo dal fitto riserbo delle indagini della Procura.

Il cellulare, da quanto si è appreso, era stata abilmente nascosta all’interno del servizio igienico, incastata sopra la doccia. Secondo le prime ipotesi degli investigatori il cellulare sarebbe stato usato non solo dai romeni, ma anche da altri reclusi in carcere per reati molto più gravi. Qualcuno sarebbe, il condizionale è d’obbligo, di nazionalità afghana o magrebina.

In effetti, per un detenuto, essere in grado di comunicare con l’esterno è un vantaggio. Un cellulare in carcere è ritenuto un’arma pericolosa, perché dà al detenuto che lo possiede un potere immenso, anche sugli altri compagni di cella. Ma soprattutto consente, nella massima riservatezza, di gestire traffici illeciti al di fuori del carcere. I detenuti romeni che erano alloggiati nella cella vicina alla doccia sono stati subito trasferiti in altri istituti.

Ma le indagini non si sono di certo limitate al sequestro del cellulare e al trasferimento dei detenuti. Gli investigatori stanno infatti cercando di capire in che modo il cellulare possa essere entrato in carcere. Potrebbe essere stato nascosto all’interno di confezioni alimentari consegnate ai detenuti da amici o familiari durante le visite periodiche. O forse, ma meno probabilmente, tra la biancheria.

Ma le indagini puntano anche - evidentemente - a ricostruire il traffico effettuato con il cellulare. Quali numeri sono stati chiamati? E a chi sono intestati? Infine quale è stato il contenuto delle telefonate? Per questo motivo gli investigatori della Polizia Penitenziaria stanno facendo uno screening delle telefonate effettuate o ricevute dal cellulare scoperto dagli agenti.

Non è la prima volta che in una cella del carcere del Coroneo viene trovato un telefonino. È successo già nel settembre

del 2003. Il cellulare doveva servire quella volta per organizzare la clamorosa fuga di un gruppo di detenuti albanesi. In quell’occasione il cellulare era stato nascosto tra i biscotti secchi messi in un sacchetto di nylon con la chiusura a strappo. E nessuno se n’era accorto.

ilpiccolo.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA
Statistiche carceri Regione Friuli-Venezia Giulia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”