Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Scritte intimidatorie e porta sfondata a casa di un poliziotto penitenziario

Polizia Penitenziaria - Scritte intimidatorie e porta sfondata a casa di un poliziotto penitenziario


Notizia del 26/03/2015 - LECCE
Letto (2616 volte)
 Stampa questo articolo


Avvertimenti e danneggiamenti non sono assolutamente da sottovalutare. E forse anche per questo motivo c’è massimo riserbo nei carabinieri della compagnia di Brindisi. “Apri l’ecchi”, cioè “apri gli occhi”, in dialetto salentino, e ancora, “R.I.P.”, l’acronimo da tutti noto che sta per “Riposi in pace”, incisione più adatta a una lapide che a una villetta estiva.

Solo che queste scritte sono state composte con bombolette spray proprio sui muri di un’abitazione da villeggiatura, in quel di Torre San Gennaro, marina di Torchiarolo. Praticamente quasi al confine con la provincia di Lecce. E un legame con il capoluogo salentino potrebbe esservi realmente, perché quella casa è in uso a un agente di Polizia Penitenziaria di San Pietro Vernotico, ma che presta servizio nel carcere di Borgo San Nicola.

E’ facile quindi intuire dove verta una delle piste setacciate dai militari. Si sta cercando di capire se vi sia qualche legame con la delicata attività lavorativa della vittima o se la questione possa declinarsi su vicende di natura personale. Al momento nulla è da escludere, tanto più che gli inquietanti graffiti sono stati anche accompagnati da un esplicito danneggiamento, quello della porta di casa, che l’agente ha trovato sfondata. Quasi un avviso ulteriore che non ha bisogno di commenti.

La scoperta è avvenuta qualche giorno addietro, ma la notizia è stata diffusa solo in queste ore da Brindisireport.it. Le scritte sono state subito cancellate.  

Come detto, una delle piste portano all’attività lavorativa dell’agente. Accertamenti necessari, visto il contesto in cui opera, dove, peraltro, è doveroso ricordare come di recente siano avvenuti episodi gravi di aggressioni ad appartenenti alla Polizia Penitenziaria emersi nelle cronache su input di alcune sigle sindacali.

Ai primi di marzo, in particolare, ne sono avvenute ben due in poche ore nel carcere di Lecce. E sempre negli stessi giorni, si sono vissuti momenti d’alta tensione per un tentativo d’evasione. Tutte situazione stigmatizzate da sindacati quali Cosp e Osapp che hanno colto l'occasione per rimarcare le difficoltà quotidiane vissute da chi opera nel penitenziario salentino.    

 

fonte: Lecce Prima

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”