Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Scritte intimidatorie e porta sfondata a casa di un poliziotto penitenziario

Polizia Penitenziaria - Scritte intimidatorie e porta sfondata a casa di un poliziotto penitenziario


Notizia del 26/03/2015 - LECCE
Letto (2528 volte)
 Stampa questo articolo


Avvertimenti e danneggiamenti non sono assolutamente da sottovalutare. E forse anche per questo motivo c’è massimo riserbo nei carabinieri della compagnia di Brindisi. “Apri l’ecchi”, cioè “apri gli occhi”, in dialetto salentino, e ancora, “R.I.P.”, l’acronimo da tutti noto che sta per “Riposi in pace”, incisione più adatta a una lapide che a una villetta estiva.

Solo che queste scritte sono state composte con bombolette spray proprio sui muri di un’abitazione da villeggiatura, in quel di Torre San Gennaro, marina di Torchiarolo. Praticamente quasi al confine con la provincia di Lecce. E un legame con il capoluogo salentino potrebbe esservi realmente, perché quella casa è in uso a un agente di Polizia Penitenziaria di San Pietro Vernotico, ma che presta servizio nel carcere di Borgo San Nicola.

E’ facile quindi intuire dove verta una delle piste setacciate dai militari. Si sta cercando di capire se vi sia qualche legame con la delicata attività lavorativa della vittima o se la questione possa declinarsi su vicende di natura personale. Al momento nulla è da escludere, tanto più che gli inquietanti graffiti sono stati anche accompagnati da un esplicito danneggiamento, quello della porta di casa, che l’agente ha trovato sfondata. Quasi un avviso ulteriore che non ha bisogno di commenti.

La scoperta è avvenuta qualche giorno addietro, ma la notizia è stata diffusa solo in queste ore da Brindisireport.it. Le scritte sono state subito cancellate.  

Come detto, una delle piste portano all’attività lavorativa dell’agente. Accertamenti necessari, visto il contesto in cui opera, dove, peraltro, è doveroso ricordare come di recente siano avvenuti episodi gravi di aggressioni ad appartenenti alla Polizia Penitenziaria emersi nelle cronache su input di alcune sigle sindacali.

Ai primi di marzo, in particolare, ne sono avvenute ben due in poche ore nel carcere di Lecce. E sempre negli stessi giorni, si sono vissuti momenti d’alta tensione per un tentativo d’evasione. Tutte situazione stigmatizzate da sindacati quali Cosp e Osapp che hanno colto l'occasione per rimarcare le difficoltà quotidiane vissute da chi opera nel penitenziario salentino.    

 

fonte: Lecce Prima

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

9 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto

10 Salvatore Riina in coma da giorni: è in fin di vita, ricoverato in ospedale a Parma


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

3 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

4 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

5 Congedo programmato e malattia

6 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

7 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

8 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

9 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

10 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?