Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Scritte intimidatorie e porta sfondata a casa di un poliziotto penitenziario

Polizia Penitenziaria - Scritte intimidatorie e porta sfondata a casa di un poliziotto penitenziario


Notizia del 26/03/2015 - LECCE
Letto (2462 volte)
 Stampa questo articolo


Avvertimenti e danneggiamenti non sono assolutamente da sottovalutare. E forse anche per questo motivo c’è massimo riserbo nei carabinieri della compagnia di Brindisi. “Apri l’ecchi”, cioè “apri gli occhi”, in dialetto salentino, e ancora, “R.I.P.”, l’acronimo da tutti noto che sta per “Riposi in pace”, incisione più adatta a una lapide che a una villetta estiva.

Solo che queste scritte sono state composte con bombolette spray proprio sui muri di un’abitazione da villeggiatura, in quel di Torre San Gennaro, marina di Torchiarolo. Praticamente quasi al confine con la provincia di Lecce. E un legame con il capoluogo salentino potrebbe esservi realmente, perché quella casa è in uso a un agente di Polizia Penitenziaria di San Pietro Vernotico, ma che presta servizio nel carcere di Borgo San Nicola.

E’ facile quindi intuire dove verta una delle piste setacciate dai militari. Si sta cercando di capire se vi sia qualche legame con la delicata attività lavorativa della vittima o se la questione possa declinarsi su vicende di natura personale. Al momento nulla è da escludere, tanto più che gli inquietanti graffiti sono stati anche accompagnati da un esplicito danneggiamento, quello della porta di casa, che l’agente ha trovato sfondata. Quasi un avviso ulteriore che non ha bisogno di commenti.

La scoperta è avvenuta qualche giorno addietro, ma la notizia è stata diffusa solo in queste ore da Brindisireport.it. Le scritte sono state subito cancellate.  

Come detto, una delle piste portano all’attività lavorativa dell’agente. Accertamenti necessari, visto il contesto in cui opera, dove, peraltro, è doveroso ricordare come di recente siano avvenuti episodi gravi di aggressioni ad appartenenti alla Polizia Penitenziaria emersi nelle cronache su input di alcune sigle sindacali.

Ai primi di marzo, in particolare, ne sono avvenute ben due in poche ore nel carcere di Lecce. E sempre negli stessi giorni, si sono vissuti momenti d’alta tensione per un tentativo d’evasione. Tutte situazione stigmatizzate da sindacati quali Cosp e Osapp che hanno colto l'occasione per rimarcare le difficoltà quotidiane vissute da chi opera nel penitenziario salentino.    

 

fonte: Lecce Prima

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Bambino di 5 anni muore in piscina: il papà è un Agente della Polizia Penitenziaria

2 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Agente di Polizia Penitenziaria e arbitro per i detenuti AS: nuovo posto di servizio nel carcere di Terni

5 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

6 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

7 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

8 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

9 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

10 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

4 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

7 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

8 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

9 Il malessere del Corpo in una lettera a un quotidiano di Alessandria

10 Salvatore Riina riamarrà in carcere al 41-bis: lo ha deciso il Tribunale di Sorveglianza che ha rigettato le richieste dei suoi avvocati