Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Sebastiano Ardita: Nicolò Amato era pronto per cinquemila detenuti al 41-bis, poi fu fermato

Polizia Penitenziaria - Sebastiano Ardita: Nicolò Amato era pronto per cinquemila detenuti al 41-bis, poi fu fermato


Notizia del 11/12/2014 - PALERMO
Letto (2389 volte)
 Stampa questo articolo


Nell'estate del 1992, subito dopo le stragi mafiose di Capaci e via D'Amelio, l'allora direttore del Dap Niccolò Amato "propose di applicare il carcere duro del 41 bis, in un unico istituto penitenziario, ai detenuti per fatti di mafia. Con questa proposta voleva applicare il carcere duro a più di 5.000 detenuti".

Lo ha detto deponendo al processo per la trattativa tra Stato e mafia il Procuratore aggiunto di Messina Sebastiano Ardita, che dal 2002 al 2011 era a capo dell'Ufficio detenuti al Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria. "La prima applicazione del 41 bis fu tra il luglio e l'agosto del '92 - spiega Ardita rispondendo alle domande del pm Nino Di Matteo - e riguardò più di cinquecento detenuti. I provvedimenti firmati dall'allora ministro della Giustizia Claudio Martelli. A settembre del '92 il ministro della Giustizia fece un atto che rimase un unicum nella vicende successive, cioè diede potere al Dipartimento di potere emettere direttamente il 41 bis. Così a settembre, su delega del ministro, sono stati emesse altre 500 applicazioni di 41 bis. Le prime applicazioni riuguardarono oltre mille detenuti 41 bis e duravono un anno. Il regime del 41 bis venne stabilizzato solo nel 2002, prima era solo provvisorio".

Poi Ardita ricorda che nel 2002, subito dopo il suo insediamento all'Ufficio detenuti al Dap, ricevette la richiesta del pm di Firenze Gabriele Chelazzi, di "consultare l'archivio degli uffici per cercare la documentazione relativa alla prima applicazione del 41 bis - racconta il magistrato - e io misi a disposizione l'ufficio". "C'erano tutti gli atti, dal primo provvedimento alla mancata proroga", spiega Ardita. "Nel novembre 1993 abbiamo riscontrato molte anomalie nelle fasi del procedimento che portò al mancato rinnovo del carcere duro, il 41 bis, per 334 detenuti"

Per l'accusa il trattamento del 41 bis dei detenuti oer fatti di mafia sarebbe stato proprio al centro della trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra. "L'istruttoria del Dap per il mancato rinnovo dei 41 bis a novembre 1993 - ha detto Ardita - fu avviata solo il 29 ottobre precedente, un tempo troppo stretto per procedere in tempo". E ha ribadito ancora che "nel 1992 il direttore del Dap di allora, Nicolò Amato aveva proposto, tra settembre e novembre 1992, al ministero della Giustizia di applicare il 41 bis a tutti i detenuti per mafia. Sarebbero stati così circa cinquemila i detenuti al 41 bis, ma la sua proposta fu bocciata".

Nel 1993 il ministro della Giustizia di allora, Giovanni Conso, nominò al Dap Adalberto Capriotti e come vice direttore Francesco Di Maggio. E nel novembre non furono rinnovati 334 provvedimenti di 41 bis. "Tutto questo era già negli atti che aveva analizzato  Chelazzi - ha detto ancora Ardita - La cartina tornasole per capire se quelle revoche andavano fatte emerge da un dato storico e cioè dal numero dei detenuti che tornarono al 41 bis dopo il mancato rinnovo. Sono oltre 50 quelli che hanno visto riapplicato il regime speciale, anche in epoca molto successiva al 1993".

Adnkronos

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Sissy Trovato Mazza torna a casa: l''Agente penitenziaria colpita alla testa da un proiettile nell''ascensore dell''ospedale di Venezia è fuori pericolo

2 Arrestato poliziotto penitenziario in aspettativa. Rubava bancali di legno per rivenderli a 4 euro

3 Il caso dell''Agente Lepore deceduta in ospedale: a processo il medico per firme false e omicidio colposo

4 Arrestato Agente penitenziario in servizio a Rebibbia: aveva droga e telefonini da smerciare in carcere

5 Espulso dall''Italia il detenuto marocchino Rachid Assarag che accusò i Poliziotti penitenziari di maltrattamenti

6 Agente penitenziario si getta nel fiume Volturno e salva un uomo che voleva suicidarsi

7 Orlando incontra i Radicali: decreti attuativi della riforma penitenziaria pronti entro fine mese

8 Ex detenuto del carcere di Agrigento incontra Agente penitenziario e lo insulta e lo minaccia

9 Donna con mandato di cattura si presenta in carcere per il colloquio con il marito: arrestata dalla Polizia Penitenziaria

10 Delegazione Sappe nel carcere di Favignana: mancano troppi Poliziotti, sicurezza a rischio


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Poliziotto Penitenziario si suicida: in servizio all''NTP di Palermo Pagliarelli si è tolto la vita con la pistola d''ordinanza

2 Appena 48 ore dopo un altro Agente Penitenziario si spara un colpo alla testa: Finanziere chiama i soccorsi, ma il collega muore nel tragitto

3 1990: ultima Festa del Corpo Agenti di Custodia. Il video della spettacolare cerimonia.

4 In memoria di Francesco Rucci, Brigadiere degli Agenti di Custodia ucciso da terroristi di Prima linea il 18 settembre 1981

5 Direttore e Comandante si schierano con i Sindacati: Andrea Orlando rinuncia alla visita al carcere di Bologna

6 In memoria dell''Appuntato Pasquale De Santis, ucciso da un detenuto durante un tentativo di evasione dal carcere di Porto Azzurro l''11 settembre 1943

7 Filippo Facci su Libero fotografa alla perfezione la situazione attuale della Polizia Penitenziaria

8 In memoria di Antimo Graziano, Brigadiere degli Agenti di Custodia ucciso dalla camorra il 14 settembre 1982

9 Perché la Polizia Penitenziaria sarà in piazza a manifestare il 19 settembre 2017. Donato Capece (SAPPE) lo spiega al Ministro della Giustizia Andrea Orlando"

10 Il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per i 200 anni della Polizia Penitenziaria