Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Sebastiano Ardita: ricevetti pressioni da Leopardi e dal GOM per scegliere il carcere per Provenzano

Polizia Penitenziaria - Sebastiano Ardita: ricevetti pressioni da Leopardi e dal GOM per scegliere il carcere per Provenzano


Notizia del 11/12/2014 - PALERMO
Letto (3131 volte)
 Stampa questo articolo


"Ho ricevuto insistenti richieste affinche' Bernardo Provenzano fosse detenuto nei carceri di L'Aquila o Terni. Richieste pervenutami, anche telefonicamente gia' il giorno stesso dell'arresto di Provenzano, l'11 aprile 2006".

Lo ha detto il magistrato Sebastiano Ardita, a capo dell'ufficio detenuti del Dap tra il 2002 e il 2011, rispondendo alle domande del pm Nino Di Matteo, nell'ambito del processo per la trattativa Stato-mafia. Ardita ha riferito di "alcuni fatti anomali" e insistenti "e immotivate" richieste affinche' Provenzano andasse in due penitenziari. "Il primo a chiamarmi -ha ricostruito il teste- fu Leopardi, a capo dell'Ufficio ispettivo del Dap, per dirmi che L'Aquila e Rebibbia sarebbero state le sedi piu' appropriate per accogliere Provenzano. Seppure il suo ufficio non fosse competente, risposi che se ne sarebbe parlato, confrontandosi, per adottare la scelta piu' opportuna. Pochi minuti dopo -ha aggiunto Ardita- anche il capo Gom mi chiamo' per dirmi la stessa cosa". 

L'Ufficio detenuti del Dap decise di inviare Provenzano nel carcere di massima sicurezza di Terni e lo stesso Ardita si reco', "non piu' di due giorni dopo a verificare, di persona, il livello di sicurezza e lo stato di detenzione e di salute di Bernardo Provenzano. Il boss era fisicamente detenuto in un'ala completamente staccata dalla zona degli altri 41 bis".

Eppure pochi giorni dopo un quotidiano pubblica una notizia secondo cui il figlio di Giovanni Riina, detenuto a Terni, avrebbe inveito contro Provenzano bollandolo "come sbirro". Era, ha sottolineato Ardita, "una notizia palesemente falsa, tanto che sucessivamente anche lo stesso Giovanni Riina chiese al suo legale di emettere una nota di smentita. Pur tuttavia in seguito a questa notizia alcuni uffici del Dap -tra cui il Gom- produssero un voluminoso dossier con cui si chiedeva nuovamente il trasferimento di Provenzano a L'Aquila o a Rebibbia".

Ardita ha ribadito che c'erano svariati motivi per non trasferire Provenzano e in particolare a L'Aquila dove c'era gia' Giuseppe Madonia, "che spostare un detenuto per una notizia falsa e' un fatto insensato e poiche' si trattava di una richiesta immotivata, seppur valutata, non fu considerata".

AGI

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

3 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

4 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

7 Poliziotto penitenziario aggredito con bastoni da detenuto nel carcere di Napoli Secondigliano

8 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

9 Poliziotto penitenziario trasportato d''urgenza in ospedale dopo aggressione da parte di un detenuto del carcere di Ariano Irpino

10 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Terrorismo islamico: Polizia Penitenziaria armata anche fuori dal servizio. Emanata circolare DAP

2 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

3 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

6 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Le proteste pretestuose

9 Il ''malvezzo'' lo rispediamo al mittente

10 L’importanza dell’attività di polizia all’interno delle carceri italiane