Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Sei agenti indagati per aver favorito detenzione migliore ai detenuti dei clan nel carcere di Gazzi

Polizia Penitenziaria - Sei agenti indagati per aver favorito detenzione migliore ai detenuti dei clan nel carcere di Gazzi


Notizia del 10/12/2014 - MESSINA
Letto (2499 volte)
 Stampa questo articolo


Sei agenti di Polizia Penitenziaria sono indagati per aver agevolato alcuni affiliati al clan Spartà, detenuti nel carcere di Gazzi. Ad incastrarli le intercettazioni ambientali e le riprese video effettuate dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Messina. Per i poliziotti è scattata una richiesta di sospensione dalle funzioni ora al vaglio del gip.

Consentivano ai detenuti del carcere di Gazzi di consegnare ai familiari, durante i colloqui in carcere, pizzini contenenti ordini da impartire agli affiliati al clan Spartà. Ma c’era pure chi prendeva soldi dalla cosca per consentire ai carcerati una vita più rilassata. A conclusione delle indagini, eseguite dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Messina, sei poliziotti penitenziari, sono indagati dalla Procura. Cinque di loro devono rispondere di falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale, uno di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. Cinque sono tuttora in servizio nella casa circondariale di Messina, uno solo è stato trasferito al Pagliarelli di Palermo. Per tutti c’era una richiesta d’arresto avanzata dal procuratore aggiunto Vincenzo Barbaro e dal sostituto della DDA Maria Pellegrino non accolta dal gip. Il giudice invece dovrà decidere sulla richiesta di sospensione dalle funzioni per i sei poliziotti che stamattina sono stati interrogati.

I fatti risalgono agli anni 2008, 2009 in piena guerra fra i clan della zona sud per il controllo delle attività illecite come accertò l’operazione Ricarica dei Carabinieri. Operazione che consentì di sventare alcuni omicidi ordinati dal carcere grazie ad un telefono cellulare poi sequestrato in una cella. Decisive si rivelarono le dichiarazioni di alcuni imprenditori impegnati a S.Lucia sopra Contesse in lavori di ristrutturazione delle Case Arcobaleno e di costruzione di una scuola elementare. Grazie alle indicazioni fornite dalle vittime, fra cui l’ex presidente dell’associazione antiracket messinese Mariano Nicotra, i Carabinieri identificarono Maurizio Lucà e Stefano Celona, arrestati proprio ieri per quelle estorsioni. Seguendo Lucà, intercettando le sue telefonate e piazzando telecamere e cimici in carcere quando l’uomo si recava ai colloqui con un parente, gli investigatori smascherarono gli agenti infedeli. Così si è scoperto che i poliziotti, contravvenendo al regolamento, non perquisivano i detenuti prima e dopo i colloqui con i familiari.

In questo modo potevano cedere e ricevere bigliettini nei quali venivano impartite disposizioni per estorsioni e spaccio di droga che venivano girate agli affiliati al clan Spartà. Le indagini non hanno però permesso di stabilire l’eventuale contropartita per gli indagati. Più grave la posizione del sesto agente che avrebbe intascato 2500 euro da un detenuto, anche lui uomo di Spartà, per chiudere un occhio sui suoi comportamenti. Così poteva girare liberamente fra i reparti e incontrare altri detenuti. L’agente di Polizia Penitenziaria si sarebbe anche prestato per conto suo a portare ambasciate dentro e fuori il carcere. Nell’inchiesta, sull’attività del clan Spartà nella zona sud sono indagate altre 26 persone compresi Lucà e Celona. L’operazione Alexander prende il nome dal bar di Lucà a S.Lucia sopra Contesse dove gli affiliati si incontravano per decidere le strategie del clan.

gazzettadelsud.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

8 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

3 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

4 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto