Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Sentenza Consulta: niente ergastolo per i condannati con rito abbreviato

Polizia Penitenziaria - Sentenza Consulta: niente ergastolo per i condannati con rito abbreviato


Notizia del 20/07/2013 - ROMA
Letto (1226 volte)
 Stampa questo articolo


La Consulta ha 'bocciato' l'ergastolo retroattivo. La Corte Costituzionale ha decretato l'illegittimità di una norma del 2001, che, retroattivamente, per coloro che sono stati giudicati con rito abbreviato, consentiva l'applicazione dell'ergastolo anziché della pena più favorevole dei 30 anni. Una decisione che ora rischia di far uscire dal carcere anche soggetti condannati per gravi reati, forse anche detenuti per reati di mafia.

La sentenza, la n. 210 di cui è relatore il giudice Giorgio Lattanzi, è stata depositata ieri e ha censurato l'articolo 7 del decreto legge 341 del 24 novembre 2000, convertito in legge il 19 gennaio 2001, che fissava la condanna dell'ergastolo senza isolamento diurno e non i 30 anni. La Corte Costituzionale ha ritenuto in parte fondati i rilievi mossi dalle sezioni unite della Cassazione a seguito del ricorso presentato contro un provvedimento del Tribunale di Spoleto.

La decisione della Consulta impatta sulle posizioni di coloro che, pur avendo formulato richiesta di giudizio abbreviato sulla base delle leggi precedenti, quando il massimo previsto era di 30 anni, sono stati giudicati dopo l'entrata in vigore del decreto del 2001. Tale decreto ha previsto, anche con il rito abbreviato e in presenza di talune circostanze, la possibilità dell'ergastolo, con effetto retroattivo, ma tale proprio previsione è stata bocciata dalla Consulta. Questo fa sì che soggetti condannati all'ergastolo in forza della norma del 2001 - e che quindi non hanno potuto usufruire di un trattamento sanzionatorio più favorevole - possano ora chiedere la revisione della pena.

Nel pronunciamento della Corte Costituzionale si fa riferimento a una sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, la sentenza Scoppola del 17 settembre 2009, che ha fissato non solo il principio della irretroattività delle leggi penali più severe, ma anche quello della retroattività della legge penale meno severa.

Anche se le conseguenze di questa novità sono tutte da valutare nel dettaglio, si tratta di una decisione destinata a far discutere soprattutto per i suoi effetti e per la possibilità di scarcerazioni "importanti", per cosi' dire.

tg.la7.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

6 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?