Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Sentenza della Cassazione su Bolzaneto 2001 "fu violenza sistematica"

Polizia Penitenziaria - Sentenza della Cassazione su Bolzaneto 2001


Notizia del 11/09/2013 - ROMA
Letto (1864 volte)
 Stampa questo articolo


Nella caserma di Bolzaneto, nei giorni successivi al G8 di Genova del 2001, il "clima" fu quello di un "completo accantonamento dei principi-cardine dello Stato di diritto". Lo scrive la quinta sezione penale della Cassazione, nelle motivazioni della sentenza emessa il 14 giugno scorso, a carico degli imputati per le violenze sui no-global.

La Corte confermò la prescrizione dei reati per 33 imputati, la condanna di 7 e pronunciò 4 assoluzioni, riducendo in parte, per ragioni procedurali, i risarcimenti alle vittime.

Secondo la Cassazione la caserma di Bolzaneto si trasformò in una sorta di "carcere provvisorio". Non solo: la "scarsità degli interventi sporadicamente verificatisi da parte di singoli agenti, a favore di questo o di quel detenuto - si legge ancora nella sentenza depositata oggi - lungi dal dimostrare che in altri casi analoghi interventi avessero avuto insuccesso, è piuttosto la riprova dell'atmosfera di soverchiante ostilità creatasi nel sito in danno degli arrestati".

Furono "vessazioni" "continue e diffuse in tutta la struttura" quelle a cui vennero sottoposti i no-global reclusi nella caserma di Bolzaneto nei giorni successivi al G8 di Genova del 2001. Lo sottolinea la quinta sezione della Cassazione, nelle motivazioni della sentenza con cui confermò la responsabilità di gran parte degli imputati - poliziotti, carabinieri, agenti e medici penitenziari - già sancita dalla Corte d'appello di Genova.

Non si trattò di "momenti di violenza che si alternavano a periodi di tranquillità - osservano gli "ermellini" - ma dell'esatto contrario". "Non risulta - continuano gli "alti giudici" - che vi fossero singole celle da riguardare come oasi felici nelle quali non si imponesse ai reclusi di mantenere la posizione vessatoria, non volassero calci, pugni o schiaffi al minimo tentativo di cambiare posizione, non si adottassero le modalità di accompagnamento nel corridoio (verso i bagni o gli uffici) con le modalità vessatorie e violenze riferite dai testi".

Nella sentenza si ricorda, ad esempio il caso di una ragazza condotta al bagno, costretta a mantenere il "capo chino all'altezza delle ginocchia" con la "torsione delle braccia dietro la schiena", mentre, al suo passaggio "poliziotti ai lati" continuavano con "percosse e insulti". L'agente (donna) che accompagnava la detenuta non fece desistere i colleghi, ma invitò la ragazza a "stare attenta a non cadere quando un agente le aveva fatto lo sgambetto".

L'Unità

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”