Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Sentenza della Cassazione su Bolzaneto 2001 "fu violenza sistematica"

Polizia Penitenziaria - Sentenza della Cassazione su Bolzaneto 2001


Notizia del 11/09/2013 - ROMA
Letto (1834 volte)
 Stampa questo articolo


Nella caserma di Bolzaneto, nei giorni successivi al G8 di Genova del 2001, il "clima" fu quello di un "completo accantonamento dei principi-cardine dello Stato di diritto". Lo scrive la quinta sezione penale della Cassazione, nelle motivazioni della sentenza emessa il 14 giugno scorso, a carico degli imputati per le violenze sui no-global.

La Corte confermò la prescrizione dei reati per 33 imputati, la condanna di 7 e pronunciò 4 assoluzioni, riducendo in parte, per ragioni procedurali, i risarcimenti alle vittime.

Secondo la Cassazione la caserma di Bolzaneto si trasformò in una sorta di "carcere provvisorio". Non solo: la "scarsità degli interventi sporadicamente verificatisi da parte di singoli agenti, a favore di questo o di quel detenuto - si legge ancora nella sentenza depositata oggi - lungi dal dimostrare che in altri casi analoghi interventi avessero avuto insuccesso, è piuttosto la riprova dell'atmosfera di soverchiante ostilità creatasi nel sito in danno degli arrestati".

Furono "vessazioni" "continue e diffuse in tutta la struttura" quelle a cui vennero sottoposti i no-global reclusi nella caserma di Bolzaneto nei giorni successivi al G8 di Genova del 2001. Lo sottolinea la quinta sezione della Cassazione, nelle motivazioni della sentenza con cui confermò la responsabilità di gran parte degli imputati - poliziotti, carabinieri, agenti e medici penitenziari - già sancita dalla Corte d'appello di Genova.

Non si trattò di "momenti di violenza che si alternavano a periodi di tranquillità - osservano gli "ermellini" - ma dell'esatto contrario". "Non risulta - continuano gli "alti giudici" - che vi fossero singole celle da riguardare come oasi felici nelle quali non si imponesse ai reclusi di mantenere la posizione vessatoria, non volassero calci, pugni o schiaffi al minimo tentativo di cambiare posizione, non si adottassero le modalità di accompagnamento nel corridoio (verso i bagni o gli uffici) con le modalità vessatorie e violenze riferite dai testi".

Nella sentenza si ricorda, ad esempio il caso di una ragazza condotta al bagno, costretta a mantenere il "capo chino all'altezza delle ginocchia" con la "torsione delle braccia dietro la schiena", mentre, al suo passaggio "poliziotti ai lati" continuavano con "percosse e insulti". L'agente (donna) che accompagnava la detenuta non fece desistere i colleghi, ma invitò la ragazza a "stare attenta a non cadere quando un agente le aveva fatto lo sgambetto".

L'Unità

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

2 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

3 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

4 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

5 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

6 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

9 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative

10 Commissione Antimafia: 41bis è insostituibile e convenzione tra DAP e Servizi segreti va riscritta, troppe ombre


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

3 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Ma chi siamo?

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia