Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Sentenza della Cassazione su Torreggiani: sconto di pena anche se il sovraffollamento è terminato

Polizia Penitenziaria - Sentenza della Cassazione su Torreggiani: sconto di pena anche se il sovraffollamento è terminato


Notizia del 27/11/2015 - ROMA
Letto (2236 volte)
 Stampa questo articolo


Via libera allo sconto di pena "retroattivo" - un giorno in meno di cella ogni dieci giorni trascorsi in condizioni di sovraffollamento - per i detenuti che chiedono questo "rimedio risarcitorio" anche dopo il venir meno delle condizioni di disagio.

Lo ha deciso la Cassazione con la sentenza 46966 depositata oggi dalla Prima sezione penale che ha esteso gli effetti della sentenza Torreggiani, emessa dalla Corte europea dei diritti umani a carico dell'Italia per la situazione delle carceri, anche quando viene meno "l'attualità" del pregiudizio subito dalla persona reclusa. Il rimedio dello sconto di pena è stato introdotto con norme del 2013 e 2014 dopo le sentenze della Cedu. Per chi è tornato libero e non ha interesse allo sconto, è previsto, invece, un risarcimento di otto euro per ogni giorno passato in una cella disumana. Con questo verdetto, i supremi giudici hanno accolto il ricorso di Alban Koleci, detenuto a Foggia, che aveva chiesto al magistrato di sorveglianza la riduzione della pena da espiare in considerazione del fatto che era stato in celle senza lo spazio necessario dal 14 agosto 2009 al 29 ottobre 2014.

La domanda Koleci l'aveva presentata il 31 ottobre 2014 e pochi giorni prima era cessata la condizione di sovraffollamento. Per questo, il magistrato di sorveglianza, con decreto del 13 novembre 2013, aveva dichiarato "inammissibile" la sua richiesta sottolineando che "presupposto necessario ai fini del risarcimento nella forma della riduzione della pena detentiva da espiare, di competenza del magistrato di sorveglianza, è l'attualità del pregiudizio al momento della richiesta". Ad avviso della Cassazione questa tesi è "fallace".

L'esclusione del rimedio risarcitorio dello sconto di pena - spiegano gli ermellini - "per coloro che in costanza di detenzione lamentino il pregiudizio derivante da condizioni di carcerazione inumane non più attuali, perché rimosse, non risulta conforme, sotto il profilo logico-sistematico, alle finalità proprie delle disposizioni introdotte dal legislatore in materia di ordinamento penitenziario nel 2013 e 2014, per porre termine alle condizioni di espiazione delle pene detentive ritenute in contrasto con la Convenzione dei diritti dell'uomo secondo la Corte di Strasburgo (a partire dai casi Sulejmanovic e Torreggiani), per risarcire i pregiudizi derivati da tali condizioni". Secondo la Suprema Corte, nulla "autorizza" a ritenere che le caratteristiche di "gravità e attualità" del pregiudizio "costituiscano presupposto essenziale per accedere al rimedio risarcitorio compensativo". Così è stato accolto il ricorso di Koleci ed è stato annullato senza rinvio il decreto che gli negava lo 'scontò. Ora tutti gli atti tornano al magistrato di sorveglianza di Foggia perché faccia i calcoli dei giorni di carcere da sottrarre alla condanna di Koleci.

ANSA

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”