Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Sesso in carcere, in arrivo le stanze dell''amore per i detenuti. Per il SAPPE è una follia!

Polizia Penitenziaria - Sesso in carcere, in arrivo le stanze dell''amore per i detenuti. Per il SAPPE è una follia!


Notizia del 16/05/2016 - ROMA
Letto (9356 volte)
 Stampa questo articolo


In arrivo un “regalo“ per i detenuti: a breve tra le sbarre faranno il loro ingresso le “stanze dell”amore” per consentire «la legittima l’intimità». Entro l’estate le carceri italiani potrebbero essere dotate di spazi «per la cura degli affetti», insomma sesso a tempo nelle  “love rooms”: uomini e donne detenuti potrebbero incontrarsi con i partner negli «spazi per la cura degli affetti» per trascorrere qualche ora senza telecamere che inquadrano ogni movimento e ascoltano ogni parola.

 

La stanze dell’amore tra le sbarre

La novità che già discutere, dopo oltre anni di proposte fallite, è contenuta nel ddl che delega il governo a effettuare «modifiche al codice penale e al codice di procedura penale per il rafforzamento delle garanzie difensive e la durata ragionevole dei processi», in questo momento in discussione nella commissione Giustizia del Senato. L’affettività dei detenuti non solo deve essere garantita – questo il ragionamento di Mauro Palma, garante per i detenuti  – ma potrebbe addirittura costituire uno strumento di rieducazione. In molti paesi europei le “stanze dell’amore” sono già una realtà: tra questi Olanda, Danimarca, Germania, Belgio, Francia, Spagna e Portogallo. Su 47 nazioni dell’Ue, infatti, 31 hanno già modificato le leggi per permettere ai detenuti di avere incontri durante la detenzione. Addirittura in alcuni Paesi il partner può trascorrere anche un week end interno nel penitenziario. «Anche in questo campo – ha detto il relatore del ddl, Felice Casson, ex magistrato con una lunga esperienza di inquirente nelle carceri –  siamo molto arretrati rispetto al resto d’Europa».

 

Il Sappe: è una follia

Tra i più convinti oppositori dell’introduzione degli spazi dell’amore c’è Daniele Capece, segretario generale del Sappe, il sindacato di Polizia Penitenziaria. «Ci opporremo in tutti i modi perché questo provvedimento diventi realtà, non vogliamo passare per guardoni di Stato!», ha detto intervistato dal Tempo spiegando che la pena consiste non solo nella privazione delle liberà ma anche di «tutto quello che ne consegue».  «Quando per la prima volta si parlò di sex room gli stessi detenuti si dissero contrari». Per garantire un rapporto intimo, dice, «esistono i permessi premi, durante i quali è possibile vivere la propria affettività, e poi c’è anche l’aspetto della sicurezza, il detenuto si chiude lì dentro da un minimo di 12 a un massimo di 24 ore e non c’è nessuno che possa verificare cosa accada realmente tra quelle mura». Un ultimo rischio, continua Capece, «chi commette un reato si ritrova con un lavoro retribuito, con la cassa integrazione e ora anche con il sesso in carcere. Si rischia di far passare l’idea che convenga delinquere».

secoloditalia.it

Love rooms in carcere, intervista a Donato Capece 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

7 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

8 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

9 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

2 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

3 Congedo programmato e malattia

4 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

7 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

8 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

9 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane