Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Settecento detenuti al 41-bis: Piscitello del DAP riferisce in Senato

Polizia Penitenziaria - Settecento detenuti al 41-bis: Piscitello del DAP riferisce in Senato


Notizia del 19/06/2014 - ROMA
Letto (2487 volte)
 Stampa questo articolo


Ad oggi, il numero complessivo di detenuti sottoposti al regime del 41 bis (carcere duro) è 715. Di questi, 648 sono stati condannati per associazione di tipo mafioso (articolo 416 bis). Lo ha reso noto il direttore generale dei detenuti e del trattamento presso il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria (Dap), Roberto Piscitello, nel corso di un'audizione in Senato davanti alla commissione per la tutela e la promozione dei diritti umani. Piscitello ha anche aggiunto che il numero totale di ergastolani in 41 bis è di 295.

Il numero totale di detenuti per associazione di tipo mafioso è invece 6009, ha proseguito il dirigente del Dap, osservando che di tutti questi detenuti è circa il 10 per cento (648) che si vede applicato il regime del carcere duro. "Gli istituti penitenziari in cui abbiamo il regime del 41 bis sono in tutto 12", ha precisato Piscitello ricordando che tale regime viene disposto con decreto del ministro della Giustizia e prevede l'isolamento del condannato in cella singola. Ovviamente ci sono anche dei momenti di socialita' con gli altri detenuti ma per poche ore al giorno (3 in tutto) e mai in gruppi superiori a 4 soggetti.

Inoltre, questi altri detenuti "non devono assolutamente appartenere allo stesso gruppo criminale" del detenuto sottoposto al 41 bis. Per quanto riguarda invece i colloqui con i familiari, "la normativa ne prevede uno al mese e deve svolgersi con vetri divisori per evitare il passaggio di oggetti".

Negli ultimi anni, ha continuato, si è fatta una sola deroga per i minori di 16 anni, ma recentemente la soglia è stata abbassata a 12 anni, "perché erano arrivate segnalazioni da parte delle procure distrettuali antimafia di minori che, in non pochi casi, venivano utilizzati per veicolare messaggi fraudolenti e, in alcuni casi, anche ordini di morte". I colloqui "sono videoregistrati, ma non audioregistrati a meno che non lo chieda la magistratura", ha sottolineato Piscitello aggiungendo che per quanto concerne le telecamere, "dovrebbero essere presenti nelle aree comuni, e in alcuni casi anche in aree riservate". Ad ogni modo, ha concluso, queste "non possono essere utilizzate come sistema di intercettazione e su questo punto ho avuto più volte interlocuzioni con delle procure distrettuali".

AGI

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Bambino di 5 anni muore in piscina: il papà è un Agente della Polizia Penitenziaria

2 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Agente di Polizia Penitenziaria e arbitro per i detenuti AS: nuovo posto di servizio nel carcere di Terni

5 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

6 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

7 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

8 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

9 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

10 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

4 E facciamola ‘sta benedetta unificazione delle forze di polizia …

5 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

6 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

7 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

8 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

9 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

10 Gli attacchi di certa stampa al Sappe. Chi non riesce a contraddire il ragionamento aggredisce il ragionatore …