Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Sgominata banda sfruttamento della prostituzione: Indagini partite dalla Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Sgominata banda sfruttamento della prostituzione: Indagini partite dalla Polizia Penitenziaria


Notizia del 03/07/2014 - BERGAMO
Letto (1997 volte)
 Stampa questo articolo


Costretta a prostituirsi il giorno dopo aver partorito. E’ uno degli episodi più truci e inquietanti raccontata da una ragazza agli inquirenti che hanno smantellato le gang della prostituzione che operavano fra Lallio, Osio, Boltiere, Dalmine e Bergamo.

Questa mattina infatti i Carabinieri del Comando Provinciale di Bergamo hanno datoesecuzione a 47 provvedimenti cautelari emessi dal GIP del Tribunale di Bergamo nei confronti degli appartenenti a cinque gruppi criminali composti da soggetti di etnia rumena, albanese ed italiana dediti al favoreggiamento ed allo sfruttamento della prostituzione nella provincia di Bergamo.

Dei 47, 8 sono in cella, 8 ai domiciliari, 8 hanno obbligo di dimora, mentre gli altri sono latitanti e con ogni probabilità sono fuggiti all’estero.

L’indagine iniziata nel mese di gennaio del 2013 ha permesso di scoprire che due albanesi era a capo delle gang e riuscivano a controllare il traffico della prostituzione nientemeno che dal carcere. Una perquisizione da parte della Polizia Penitenziaria ha infatti permesso di scoprire all’interno della cella dei due albanesi persino una carta telefonica (sim).

Sette italiani erano invece gli «autisti», accompagnavano cioè le ragazze sulle piazzole, ricevendo dalle organizzazioni il compenso di 30 euro a prostituta.

Le associazioni erano strutturate gerarchicamente con a capo i “proprietari” dei luoghi (piazzole) ove le ragazze venivano collocate e fatte prostituire, poi vi erano i “controllori” che evitavano intromissioni di altri gruppi criminali rivali e gli addetti alla riscossione del denaro dovuto per l’occupazione delle piazzole; quindi vi erano gli sfruttatori che facevano prostituire le loro “dipendenti” dopo aver pagato agli “esattori” fino a 350 euro a settimana per ogni ragazza.

Dai racconti delle ragazze sono emersi particolari raccapriccianti ed episodi di inaudita violenza, come appunto la costrizione della donna che aveva appena partorito di tornare in strada. Uno degli aguzzini aveva addirittura un profilo Facebook dove si era autodefinito «trafficante di carne umana».

ecodibergamo 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

2 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)