Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Si è costituito uno dei due evasi da Rebibbia: ha detto di sentirsi braccato

Polizia Penitenziaria - Si è costituito uno dei due evasi da Rebibbia: ha detto di sentirsi braccato


Notizia del 17/02/2016 - ROMA
Letto (3244 volte)
 Stampa questo articolo


Si è costituto questa sera alla stazione dei carabinieri di Tivoli uno dei due romeni evasi alcuni giorni fa dal carcere di Rebibbia in circostanze ancora da chiarire. Si tratta di Catalin Ciobanu, che proprio due giorni fa sarebbe dovuto comparire come imputato in un processo per sequestro di persona e morte come conseguenza di altro reato in relazione al decesso di un commerciante egiziano prelevato da casa e stroncato da un infarto. 

Continuano invece le ricerche per Mihai Florin Diaconescu, il ventottenne che ha fatto perdere le sue tracce dopo la rocambolesca evasione dal penitenziario capitolino. 

L’avvocato Andrea Palmiero, difensore di Ciobanu, ha commentato la decisione dicendo che il suo assistito «ha deciso di consegnarsi ai carabinieri perchè si è reso conto di aver fatto una sciocchezza ed era mortificato per quanto avvenuto». 

In base a quanto si apprende l’uomo ha deciso di recarsi dalle forze dell’ordine anche perchè si sentiva braccato dai continui controlli che hanno riguardato anche un campo nomadi nel quale avrebbe trascorso la sua latitanza. 

"Ho parlato poco fa con Catalin Ciobanu, era mortificato e avvilito. Si e' costituito perché ha capito di aver sbagliato e di aver fatto una sciocchezza scappando dal carcere di Rebibbia", ha detto l'avvocato Andrea Palmiero, difensore del ragazzo. Proprio il difensore nei giorni scorsi aveva lanciato un invito a Ciobanu affinché si consegnasse alle Forze di Polizia.

lastampa.it - leggo.it

Trovato anche il secondo evaso dal carcere di Roma Rebibbia 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

5 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

6 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

7 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

8 Altra incredibile follia della Amministrazione: camorrista ergastolano in cattedra alla scuola di Polizia Penitenziaria di Cairo.

9 Direttore del Carcere di Bergamo Porcino va in pensione:I miei 40 anni con i detenuti

10 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

4 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

5 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

6 La perquisizione straordinaria

7 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)