Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Si nascondono in un centro sportivo dopo una rapina: Poliziotto penitenziario si insospettisce e li blocca

Polizia Penitenziaria - Si nascondono in un centro sportivo dopo una rapina: Poliziotto penitenziario si insospettisce e li blocca


Notizia del 01/10/2014 - BARI
Letto (1871 volte)
 Stampa questo articolo


Che non fosse la giornata giusta, per due malviventi tranesi in trasferta a Bisceglie, avrebbero dovuto capirlo fin da subito, da quando all'interno del supermercato che avevano deciso di rapinare hanno trovato un Carabiniere in borghese che ha fatto scattare subito l'allarme.

Il singolare episodio si è verificato nel pomeriggio di martedì 30 settembre, quando due 25enni tranesi armati si sono introdotti in un supermercato all'ingresso nord di Bisceglie per rapinarlo. Fattosi consegnare l'incasso della giornata dai cassieri si sono dati alla fuga a bordo di uno scooter diretti verso Trani, ignari che sulle loro tracce c'era un Carabiniere non in servizio che però non si è preoccupato del turno di lavori e si è messo subito ad inseguirli lanciando l'allarme ai colleghi di Bisceglie e di Trani.

Superato il Ponte Lama i due, hanno abbandonato il motociclo e si sono introdotti all'interno del centro sportivo della zona per confondersi tra la folla. Ed è stata proprio questa la peggiore idea che potessero avere. Infatti i due titolari del centro, insieme ad un agente di Polizia Penitenziaria, genitore di uno dei bambini della scuola calcio, insospettiti dai comportamenti dei due malviventi non hanno esitato a bloccarli e trattenerli finché non sono arrivai sul posto i Carabinieri che li hanno definitivamente tratti in arresto.

Il lieto fine di questa movimentata storia è la testimonianza di come la giusta collaborazione tra cittadini e Forze dell'Ordine possa spesso portare ad ottimi risultati.

traniviva.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

5 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

6 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 La morte di Stefano Cucchi: la disinformazione continua