Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Si pente il superboss della camorra Iovine: fondamentale il lavoro del GOM e del NIC della Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Si pente il superboss della camorra Iovine: fondamentale il lavoro del GOM e del NIC della Polizia Penitenziaria


Notizia del 22/05/2014 - NAPOLI
Letto (5452 volte)
 Stampa questo articolo


Il "ninno" di Gomorra sta cantando. Antonio Iovine, il padrino dei Casalesi arrestato il 17 novembre del 2010 dopo quattordici anni di latitanza, ha cominciato a collaborare con i magistrati del pool anticamorra di Napoli.

E ora, davvero, un'intera generazione di complici rischia seriamente di essere spazzata via dalle rivelazioni del primo, vero boss del clan che decide di parlare. I segreti di politici collusi e amministratori locali conniventi, gli intrecci sui rifiuti, gli affari dell'imprenditoria inquinata, i nomi dei fiancheggiatori e degli insospettabili che hanno custodito le trame di una delle più potenti organizzazioni criminali d'Europa non sono più al sicuro. Tanti che fino a poco tempo fa contavano, adesso tremano.

La svolta è maturata una dozzina di giorni or sono, quando Iovine ha cominciato a rispondere alle domande dei pm Antonello Ardituro e Cesare Sirignano, del pool coordinato dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli.

Il pentimento del padrino chiude un percorso lungo e delicato, intrapreso con pazienza dalla Procura che si è avvalsa della fondamentale collaborazione degli uomini del Gom e del Nic, i nuclei investigativi speciali della Polizia Penitenziaria. I primi segnali erano arrivati il 6 agosto del 2011.

Convocato dal pm Ardituro per essere interrogato su una storia di usura, Iovine lasciò trasparire qualche timidissima apertura. Quel primo contatto però è rimasto a lungo isolato. Poi, agli inizi di maggio, il padrino ha saltato il fosso, cominciando a riempire pagine di verbale sulle quali i magistrati lavorano per vagliare l'attendibilità delle dichiarazioni e trovare i riscontri.

Il detenuto è stato subito trasferito da Nuoro, dove era recluso in regime di carcere duro, mentre per i congiunti è scattato il piano di protezione.

A differenza di Michele Zagaria detto "il Monaco", Iovine non è un capo che aveva rinunciato a vivere pur di sfuggire all'arresto. Per la sua fuga, comunque durata quasi tre lustri, non aveva scelto un covo sotterraneo, bensì la quiete della famiglia un muratore incensurato che lo ospitava a Casal di Principe, in una villetta abusiva dove il boss era accudito da due ragazzine poco più che ventenni.

"In un bunker non mi avreste mai trovato. Io non scendo in un cunicolo. Soffro di claustrofobia", disse Iovine ai poliziotti delle squadre mobili di Napoli e Caserta al momento della cattura.

Proprio queste parole, forse, c'è la chiave per quello che sarebbe accaduto meno di quattro anni più tardi. Rinchiuso al carcere duro, una condanna definitiva all'ergastolo sulla testa e decine di inchieste ancora aperte, il "ninno" ha capito che per lui era finita. Restava una sola strada: quella dello Stato.

repubblica.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Bambino di 5 anni muore in piscina: il papà è un Agente della Polizia Penitenziaria

2 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Agente di Polizia Penitenziaria e arbitro per i detenuti AS: nuovo posto di servizio nel carcere di Terni

5 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

6 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

7 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

8 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

9 Detenuto Rachid Assarag a processo per violenza e oltraggio all''Ispettore di Polizia Penitenziaria di sorveglianza nel carcere di Imperia

10 Cassazione conferma condanna ad ex Agente penitenziario: ricevette 500 euro in cambio di un telefonino ad un detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

4 E facciamola ‘sta benedetta unificazione delle forze di polizia …

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

7 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

8 Intervista radiofonica del Sottosegretario Cosimo Ferri: nessuna modifica al 41bis e potenziamento di GOM e NIC della Polizia Penitenziaria

9 Gli attacchi di certa stampa al Sappe. Chi non riesce a contraddire il ragionamento aggredisce il ragionatore …

10 Video e trascrizione integrale intervento del Capo Dap Santi Consolo al decennale del NIC della Polizia Penitenziaria