Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Si spaccia per poliziotto penitenziario,e riesce a entrare in casa per rapinare

Notizia del 07/07/2011 - FERRARA

Si spaccia per poliziotto penitenziario,e riesce a entrare in casa per rapinare

letto 2366 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Non è stato ancora trovato l’uomo che ha rapinato, domenica scorsa, una donna all’interno della sua abitazione minacciandola con un cutter. In carcere, invece, il suo complice arrestato dai carabinieri di Porto Garibaldi in flagranza di reato. Si tratta di un pregiudicato catanese di 35 anni M.S. che ora è a disposizione dell’autorità giudiziaria. Domenica intorno alle 11.15 i militari sono stati chiamati da alcuni cittadini perchè a Lido Estensi, ed esattamente in via Manzoni era in corso una rapina. I carabinieri sono intervenuti immediatamente ed intanto hanno visto che in una piccola via trasversale, precisamente via Zanella, vi era un gruppo di persone in palese stato di agitazione, già notati dai militari in servizio. Nello stesso tempo un poliziotto della questura di Ravenna, in vacanza ai Lidi, ha avvertito che due malviventi stavano cercando di darsi alla fuga con un’autovettura marca Mercedes modello Classe A di colore grigio metallizzato.

Dai primi accertamenti eseguiti dai militari è venuto fuori che M.S., assieme ad un complice, si era presentato davanti all’abitazione di proprietà di un titolare di un’agenzia immobiliare di Lido Estensi, al cui interno vi era la moglie, suonando il campanello e simulando la propria appartenenza al corpo della Polizia penitenziaria. Una volta dentro la coppia di rapinatori ha minacciato la donna con un cutter affinchè prelevasse il denaro ed i preziosi custoditi all’interno della cassaforte a muro presente all’interno dell’abitazione. La donna, nonostante lo spavento, è riuscita a divincolarsi ed uscire dall’abitazione chiedendo aiuto e facendo così fuggire la coppia di malviventi. I due uomini, dopo essersi impossessati di un orologio marca Rolex presente in casa (successivamente recuperato dai militari) hanno tentato di fuggire ma uno è stato fermato ed arrestato in flagranza di reato. Prima di finire in carcere a Ferrara, il malvivente è stato portato in ospedale perchè aveva subito alcune lesioni mentre tentava di scappare.

L’autovettura utilizzata per la fuga, ricercata per l’intera giornata su tutto il territorio provinciale dai carabinieri coordinati dal Comando provinciale di Ferrara, è stata ritrovata a Lido Nazioni e nei prossimi giorni sarà sottoposta agli accertamenti del caso.

Le indagini, naturalmente, proseguiranno, ininterrottamente, al fine di rintracciare il complice il quale risulta ricercato in tutta la provincia di Ferrara.

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”