Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Si suicida nel carcere di Viterbo, "vendeva bambini ai pedofili"

Notizia del 19/03/2012 - VITERBO

Si suicida nel carcere di Viterbo, "vendeva bambini ai pedofili"

letto 1938 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Si è suicidato domenica pomeriggio, tra le 17 e le 18, Roberto Patassini, 49 anni. Era detenuto nel carcere di Mammaglialla, nel viterbese, dove stava scontando una condanna per pedofilia e sfruttamento della prostituzione minorile. Patassini, che sarebbe tornato in libertà nel 2022, è il quattordicesimo detenuto suicida dall'inizio dell'anno, il secondo nel Lazio. 

A trovarlo è stato il suo compagno di cella al rientro dall'ora di socializzazione, alla quale il quarantanovenne romano aveva rinunciato, forse proprio per l'intenzione di togliersi la vita. Patassini avrebbe indossato uno scaldacollo che ha poi agganciato ad un'estremità delle sbarre della finestra della sua cella e si è lasciato cadere sul pavimento. Il suo corpo è ora a disposizione della procura di Viterbo che ha già disposto l'autopsia.

L'uomo era stato arrestato dalla polizia nell'aprile 2006 durante l'operazione Fiori nel fango che portò allo smantellamento di un'organizzazione dedita alla pedofilia e allo sfruttamento della prostituzione minorile. I minori, dagli 8 ai 14 anni, venivano prelevati dai campi rom o nelle squadre di calcio giovanili. Le vittime accertate sono almeno 200. Si trattava di bambini poverissimi che venivano adescati e 'compratì con pochi soldi: un paio di scarpe nuove, un telefonino, una ricarica o un panino per i più disperati. In alcuni casi erano gli stessi genitori a 'venderlì per un televisore o un frigorifero.

I pedofili erano quasi tutti insospettabili: allenatori di squadre locali, commercianti, imprenditori, rappresentanti della Roma bene. Oltre a Patassini finirono infatti in carcere altre 17 persone. L'uomo, condannato con sentenza definitiva, era stato trasferito nel carcere viterbese nella sezione speciale riservata ai condannati per reati sessuali. Era considerato un detenuto modello per aver aderito a varie iniziative di socializzazione intraprese dalla direzione del carcere. Con i parenti aveva invece rotto i rapporti, salvo per uno zio sacerdote con cui era in contatto epistolare.

 Negli ambienti carcerari c'è anche chi sostiene che l'uomo si sia tolto la vita per senso di colpa o perché non riusciva più a sopportare la detenzione. "È l'ennesimo dramma della solitudine in carcere - afferma Angiolo Marroni, garante dei detenuti del Lazio - un uomo, apparentemente senza problemi, che partecipa a tutte le attività di socializzazione in carcere che decide di togliersi la vita è la spia di un disagio forte, non manifestato, e proprio per questo ancor più difficile da prevenire dimostrando che, senza adeguati supporti psicologici, in carcere aumenta il rischio suicidio".

roma.repubblica.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico