Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Simonetta Matone rientra in magistratura: sostituto Procuratore Generale di Roma

Polizia Penitenziaria - Simonetta Matone rientra in magistratura: sostituto Procuratore Generale di Roma


Notizia del 30/01/2015 - ROMA
Letto (2600 volte)
 Stampa questo articolo


Simonetta Matone è da 24 ore il neosostituto procuratore generale presso la Corte di Appello di Roma. La nomina, arrivata dal plenum del Csm, deliberata all’unanimità, sancisce il ritorno dell’agguerrito giudice tra le fila della magistratura dopo una serie di importanti incarichi istituzionali presso il ministero della Giustizia. Un rientro al lavoro direttamente tra i togati, quello della Matone, decretato anche a seguito della norma che ha stabilito il limite dei dieci anni di attività fuori ruolo come arco temporale massimo per altre esperienze professionali lontane dai banchi del potere giudiziario. Esperienze che non hanno escluso le sue note partecipazioni televisive, incentrate sui casi di cronaca più famosi degli ultimi anni, dall’omicidio di Cogne alla strage di Erba.

Chi è

Nata a Roma il 16 giugno 1953, è sposata ed ha tre figli. Laureatasi in giurisprudenza alla Sapienza di Roma nel 1976, entra subito nel vivo dell’impegno professionale: dal 1979 al 1980 è vicedirettore del carcere presso Le Murate a Firenze. Dal 1981 al 1982 è giudice presso il Tribunale di Lecco e dal 1983 al 1986 è magistrato di sorveglianza a Roma, mentre nel 1987 viene nominata capo della Segreteria del ministro della Giustizia, Giuliano Vassalli. Determinata e lontana da polemiche artefatte e inutili strumentalizzazioni, lavora da sempre, anche dall’alto di ruoli diversi, per la tutela delle donne, dei bambini, per la risocializzazione dei detenuti e, in generale, per il sostegno delle categorie deboli, esponendosi senza riserve.

Un curriculum blasonato

Fin dalla prima mansione da lei ricoperta, dimostra con la tempestività e la serietà del suo impegno lavorativo di voler abrogare il binomio «giustizia lenta», drammaticamente accreditato dalle consuetudini e dalle lungaggini processuali italiane, avocando a sé casi in giacenza e fascicoli impolverati, e arrivando a sciogliere già all’inizio della sua carriera nell’ambito civile centinaia di prognosi in sospeso ereditate da suoi predecessori. Se dunque il primo collocamento fuori ruolo di Simonetta Matone risale al 1987, il magistrato viene richiamata in ruolo nel 1991 e destinata con funzioni di sostituto alla Procura presso il Tribunale per i minorenni di Roma, e poi nuovamente collocata fuori ruolo nel 2008 per rivestire l’incarico di capo di Gabinetto presso il ministero delle Pari Opportunità con il ministro Mara Carfagna. Generalmente la Matone ha sempre ricoperto incarichi al ministero della Giustizia, dall’Ufficio legislativo a vice al Dap, fino al più recente ruolo di capo degli Affari di Giustizia. Da questo momento in poi, invece, si apre il nuovo capitolo della sua lunga e articolata carriera in magistratura. E fuori.

secoloditalia.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

6 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

9 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia