Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Simonetta Matone rientra in magistratura: sostituto Procuratore Generale di Roma

Polizia Penitenziaria - Simonetta Matone rientra in magistratura: sostituto Procuratore Generale di Roma


Notizia del 30/01/2015 - ROMA
Letto (2232 volte)
 Stampa questo articolo


Simonetta Matone è da 24 ore il neosostituto procuratore generale presso la Corte di Appello di Roma. La nomina, arrivata dal plenum del Csm, deliberata all’unanimità, sancisce il ritorno dell’agguerrito giudice tra le fila della magistratura dopo una serie di importanti incarichi istituzionali presso il ministero della Giustizia. Un rientro al lavoro direttamente tra i togati, quello della Matone, decretato anche a seguito della norma che ha stabilito il limite dei dieci anni di attività fuori ruolo come arco temporale massimo per altre esperienze professionali lontane dai banchi del potere giudiziario. Esperienze che non hanno escluso le sue note partecipazioni televisive, incentrate sui casi di cronaca più famosi degli ultimi anni, dall’omicidio di Cogne alla strage di Erba.

Chi è

Nata a Roma il 16 giugno 1953, è sposata ed ha tre figli. Laureatasi in giurisprudenza alla Sapienza di Roma nel 1976, entra subito nel vivo dell’impegno professionale: dal 1979 al 1980 è vicedirettore del carcere presso Le Murate a Firenze. Dal 1981 al 1982 è giudice presso il Tribunale di Lecco e dal 1983 al 1986 è magistrato di sorveglianza a Roma, mentre nel 1987 viene nominata capo della Segreteria del ministro della Giustizia, Giuliano Vassalli. Determinata e lontana da polemiche artefatte e inutili strumentalizzazioni, lavora da sempre, anche dall’alto di ruoli diversi, per la tutela delle donne, dei bambini, per la risocializzazione dei detenuti e, in generale, per il sostegno delle categorie deboli, esponendosi senza riserve.

Un curriculum blasonato

Fin dalla prima mansione da lei ricoperta, dimostra con la tempestività e la serietà del suo impegno lavorativo di voler abrogare il binomio «giustizia lenta», drammaticamente accreditato dalle consuetudini e dalle lungaggini processuali italiane, avocando a sé casi in giacenza e fascicoli impolverati, e arrivando a sciogliere già all’inizio della sua carriera nell’ambito civile centinaia di prognosi in sospeso ereditate da suoi predecessori. Se dunque il primo collocamento fuori ruolo di Simonetta Matone risale al 1987, il magistrato viene richiamata in ruolo nel 1991 e destinata con funzioni di sostituto alla Procura presso il Tribunale per i minorenni di Roma, e poi nuovamente collocata fuori ruolo nel 2008 per rivestire l’incarico di capo di Gabinetto presso il ministero delle Pari Opportunità con il ministro Mara Carfagna. Generalmente la Matone ha sempre ricoperto incarichi al ministero della Giustizia, dall’Ufficio legislativo a vice al Dap, fino al più recente ruolo di capo degli Affari di Giustizia. Da questo momento in poi, invece, si apre il nuovo capitolo della sua lunga e articolata carriera in magistratura. E fuori.

secoloditalia.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?