Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Siringhe nelle spiagge e brioche avvelenate nei supermercati: il piano della mafia per alleggerire il 41-bis

Polizia Penitenziaria - Siringhe nelle spiagge e brioche avvelenate nei supermercati: il piano della mafia per alleggerire il 41-bis


Notizia del 21/01/2015 - MILANO
Letto (1480 volte)
 Stampa questo articolo


«La mafia puntava a un cambio di strategia, colpire non più le istituzioni ma realizzare dei veri e propri atti di terrorismo contro il patrimonio dello Stato. Così stavamo pensando di depositare delle siringhe infettate dall’Aids lungo le spiagge di Rimini o disseminare i supermercati di merendine avvelenate o persino a un attentato alla torre di Pisa».

Lo ha detto ieri a Milano, durante il processo per la strage di via Palestro, Giovanni Brusca, negli anni ’90 reggente del mandamento di San Giuseppe Jato. Brusca è l’uomo che ha premuto il telecomando dell’attentato di Capaci (il 23 maggio del 1992) in cui morirono il giudice Giovanni Falcone e la sua scorta, e che poi è divenuto collaboratore di giustizia.

L’obiettivo durante la trattativa fra Stato e Mafia, - ha spiegato Brusca in aula - era quello di ottenere i benefici richiesti nel cosiddetto papello dei boss: fermare l’articolo 41 bis e il carcere duro per i detenuti di mafia nei penitenziari di Pianosa e dell’Asinara. Volevamo creare allarmismo in modo che lo Stato alleggerisse la permanenza in galera».

Un concetto che in verità Brusca aveva già espresso nell’aula bunker di Firenze nel ’98 parlando delle autobombe mafiose del ’93. In particolare l’autobomba di 250 chili di tritolo in via dei Georgofili a Firenze che uccise cinque persone e sfregiò i tesori degli Uffizi. «Volevamo piazzare brioscine avvelenate nei supermercati, e spargere siringhe con il sangue infetto dall’ Aids sulla spiaggia di Rimini per mettere in ginocchio il turismo in Italia, ma senza far danni. Ci furono riunioni e il progetto delle siringhe era a buon punto, tanto che stavamo già cercando di procurarci il sangue. L’idea era di nascondere le siringhe sotto la sabbia e avvisare subito la polizia in modo da farle ritrovare. Non volevamo vittime, doveva essere solo un avvertimento. Stessa cosa per l’altro piano, quello delle brioscine».

corriereromagna.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP