Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Siringhe nelle spiagge e brioche avvelenate nei supermercati: il piano della mafia per alleggerire il 41-bis

Polizia Penitenziaria - Siringhe nelle spiagge e brioche avvelenate nei supermercati: il piano della mafia per alleggerire il 41-bis


Notizia del 21/01/2015 - MILANO
Letto (1865 volte)
 Stampa questo articolo


«La mafia puntava a un cambio di strategia, colpire non più le istituzioni ma realizzare dei veri e propri atti di terrorismo contro il patrimonio dello Stato. Così stavamo pensando di depositare delle siringhe infettate dall’Aids lungo le spiagge di Rimini o disseminare i supermercati di merendine avvelenate o persino a un attentato alla torre di Pisa».

Lo ha detto ieri a Milano, durante il processo per la strage di via Palestro, Giovanni Brusca, negli anni ’90 reggente del mandamento di San Giuseppe Jato. Brusca è l’uomo che ha premuto il telecomando dell’attentato di Capaci (il 23 maggio del 1992) in cui morirono il giudice Giovanni Falcone e la sua scorta, e che poi è divenuto collaboratore di giustizia.

L’obiettivo durante la trattativa fra Stato e Mafia, - ha spiegato Brusca in aula - era quello di ottenere i benefici richiesti nel cosiddetto papello dei boss: fermare l’articolo 41 bis e il carcere duro per i detenuti di mafia nei penitenziari di Pianosa e dell’Asinara. Volevamo creare allarmismo in modo che lo Stato alleggerisse la permanenza in galera».

Un concetto che in verità Brusca aveva già espresso nell’aula bunker di Firenze nel ’98 parlando delle autobombe mafiose del ’93. In particolare l’autobomba di 250 chili di tritolo in via dei Georgofili a Firenze che uccise cinque persone e sfregiò i tesori degli Uffizi. «Volevamo piazzare brioscine avvelenate nei supermercati, e spargere siringhe con il sangue infetto dall’ Aids sulla spiaggia di Rimini per mettere in ginocchio il turismo in Italia, ma senza far danni. Ci furono riunioni e il progetto delle siringhe era a buon punto, tanto che stavamo già cercando di procurarci il sangue. L’idea era di nascondere le siringhe sotto la sabbia e avvisare subito la polizia in modo da farle ritrovare. Non volevamo vittime, doveva essere solo un avvertimento. Stessa cosa per l’altro piano, quello delle brioscine».

corriereromagna.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Agente penitenziario ucciso da tre batteri in ospedale: alla vedova un milione di euro di risarcimento

5 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

6 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Detenuto tunisino accusa dieci Agenti penitenziari di lesioni a San Vittore. E'' in carcere per tentato omicidio e accusò altri Agenti di Velletri

9 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

10 Boss della camorra ordinarono omicidi dal carcere di Poggioreale con un telefonino introdotto da un Poliziotto penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Carceri, mille leggi per un solo risultato: torna il sovraffollamento

3 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

4 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

7 Evasione di Favignana: “Non importa quanto vai piano, l''importante è che non ti fermi"

8 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

9 Amministrazione penitenziaria in piena zona retrocessione. Ci vorrebbe Zamparini con i suoi tanti esoneri

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane