Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Siringhe nelle spiagge e brioche avvelenate nei supermercati: il piano della mafia per alleggerire il 41-bis

Polizia Penitenziaria - Siringhe nelle spiagge e brioche avvelenate nei supermercati: il piano della mafia per alleggerire il 41-bis


Notizia del 21/01/2015 - MILANO
Letto (2068 volte)
 Stampa questo articolo


«La mafia puntava a un cambio di strategia, colpire non più le istituzioni ma realizzare dei veri e propri atti di terrorismo contro il patrimonio dello Stato. Così stavamo pensando di depositare delle siringhe infettate dall’Aids lungo le spiagge di Rimini o disseminare i supermercati di merendine avvelenate o persino a un attentato alla torre di Pisa».

Lo ha detto ieri a Milano, durante il processo per la strage di via Palestro, Giovanni Brusca, negli anni ’90 reggente del mandamento di San Giuseppe Jato. Brusca è l’uomo che ha premuto il telecomando dell’attentato di Capaci (il 23 maggio del 1992) in cui morirono il giudice Giovanni Falcone e la sua scorta, e che poi è divenuto collaboratore di giustizia.

L’obiettivo durante la trattativa fra Stato e Mafia, - ha spiegato Brusca in aula - era quello di ottenere i benefici richiesti nel cosiddetto papello dei boss: fermare l’articolo 41 bis e il carcere duro per i detenuti di mafia nei penitenziari di Pianosa e dell’Asinara. Volevamo creare allarmismo in modo che lo Stato alleggerisse la permanenza in galera».

Un concetto che in verità Brusca aveva già espresso nell’aula bunker di Firenze nel ’98 parlando delle autobombe mafiose del ’93. In particolare l’autobomba di 250 chili di tritolo in via dei Georgofili a Firenze che uccise cinque persone e sfregiò i tesori degli Uffizi. «Volevamo piazzare brioscine avvelenate nei supermercati, e spargere siringhe con il sangue infetto dall’ Aids sulla spiaggia di Rimini per mettere in ginocchio il turismo in Italia, ma senza far danni. Ci furono riunioni e il progetto delle siringhe era a buon punto, tanto che stavamo già cercando di procurarci il sangue. L’idea era di nascondere le siringhe sotto la sabbia e avvisare subito la polizia in modo da farle ritrovare. Non volevamo vittime, doveva essere solo un avvertimento. Stessa cosa per l’altro piano, quello delle brioscine».

corriereromagna.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)