Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Sonia Alfano risponde al SAPPE sul caso Provenzano: i miei sono fondati sospetti

Polizia Penitenziaria - Sonia Alfano risponde al SAPPE sul caso Provenzano: i miei sono fondati sospetti


Notizia del 30/05/2013 - ROMA
Letto (1986 volte)
 Stampa questo articolo


S. Alfano: Ho chiesto di essere sentita ma pm non mi chiamano Nessuna insinuazione ma sospetti su condizioni Provenzano - "Le mie non sono insinuazioni ma fondati sospetti.

Fin da subito il declino psicofisico di Provenzano mi è sembrato anomalo e non l`ho mai nascosto. Ho anzi chiesto, fin da dicembre, di essere sentita dagli organi competenti ma non ho ricevuto, ad oggi, alcuna comunicazione". Così Sonia Alfano risponde alle accuse del segretario generale del Sappe, Donato Capece, secondo il quale la Presidente della Commissione Antimafia del Parlamento Europeo avrebbe fatto `inutili e gravi insinuazioni` in merito allo stato di salute del boss Bernardo Provenzano, detenuto al 41bis nel carcere di Parma.

"Ho soltanto raccontato i fatti: il crollo di Provenzano è avvenuto in modo improvviso e inaspettato subito dopo l`aver preso in considerazione l`ipotesi, e ribadisco, l`ipotesi, della collaborazione e ha avuto una clamorosa accelerazione dopo la campagna stampa evidentemente ordita con l`intento di `spegnere` le eventuali buone intenzioni del boss e infangare la mia reputazione" spiega Alfano. "In fondo - sottolinea - chiedo semplicemente che si faccia chiarezza sul cosiddetto `protocollo farfalla` e che si verifichi se questo sia stato utilizzato per scoraggiare i detenuti intenzionati a collaborare con la giustizia.

Credo che il Paese abbia il diritto di avere una risposta chiara. Peraltro - aggiunge - non sono l`unica a nutrire dubbi su quanto accaduto. Anche Veltroni e Travaglio, giovedì scorso a `Servizio Pubblico`, hanno manifestato più di una perplessità. Mi auguro che il Sindacato della Polizia Penitenziaria si adoperi, come me - conclude - per far emergere la verità".

TMNEWS

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Carceri: procuratore aggiunto Potenza Basentini verso guida Dap

5 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

6 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

7 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

8 In sezione comme a la guerre

9 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

10 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook