Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Sorveglianza dinamica anche a Torino, parla il Direttore: il carcere è una miniera

Polizia Penitenziaria - Sorveglianza dinamica anche a Torino, parla il Direttore: il carcere è una miniera


Notizia del 16/07/2012 - TORINO
Letto (3471 volte)
 Stampa questo articolo


"In un carcere il concetto di sicurezza e' piuttosto difficile da definire, ma non puo' limitarsi alla cella. Sicurezza significa sicurezza per i detenuti, sicurezza per gli operatori, serenita', calo delle tensioni". A parlare, in un'intervista a 'La Stampa', e' Pietro Buffa, direttore uscente del carcere delle Vallette di Torino, uno dei primi a sperimentare i 'regimi aperti' progenitori della circolare del Dipartimento di pubblica sicurezza (Dap) che prevede le 'sezioni aperte' per detenuti a basso a rischio. L'ipotesi e' quella di un patto con l'amministrazione penitenziaria 'con clausole, prescrizioni e impegni da rispettare, che in cambio offrira' ai detenuti una sorta di autogestione.
 
Commentando la circolare del Dap, Buffa precisa "non si tratta solo dell'apertura delle celle. Significa responsabilizzazione, socialita', sicurezza appunto". E fa un esempio: "alle Vallette alcuni detenuti hanno una squadra di rugby. La mattina escono dalle celle, vanno sul campo, si allenano, mangiano insieme, e la sera rientrano in cella". "E' una sorveglianza dinamica. Ci sono dei percorsi che possono compiere da soli, oppure solo accompagnati. E non c'e' solo piu' la figura della Polizia Penitenziaria. Ci sono allenatori, insegnanti, assistenti. E' la societa' civile che si apre al carcere. O viceversa".
 
Ma l'esperienza di Torino e' 'un'isola felice'? "Non siamo ne' un'isola ne' siamo felici", risponde. "Abbiamo anche noi problemi di sovraffollamento, miserie e non per tutti percorsi di questo tipo sono adottabili. Ma un carcere - conclude - non puo' essere sempre visto solo in termini numerici di sovraffollamento, suicidi piante organiche. Un carcere e' una miniera, bisogna cominciare a pensarlo come un'opportunita' per la societa'"."In un carcere il concetto di sicurezza e' piuttosto difficile da definire, ma non puo' limitarsi alla cella. Sicurezza significa sicurezza per i detenuti, sicurezza per gli operatori, serenita', calo delle tensioni". A parlare, in un'intervista a 'La Stampa', e' Pietro Buffa, direttore uscente del carcere delle Vallette di Torino, uno dei primi a sperimentare i 'regimi aperti' progenitori della circolare del Dipartimento di pubblica sicurezza (Dap) che prevede le 'sezioni aperte' per detenuti a basso a rischio. L'ipotesi e' quella di un patto con l'amministrazione penitenziaria 'con clausole, prescrizioni e impegni da rispettare, che in cambio offrira' ai detenuti una sorta di autogestione.
 
Commentando la circolare del Dap, Buffa precisa "non si tratta solo dell'apertura delle celle. Significa responsabilizzazione, socialita', sicurezza appunto". E fa un esempio: "alle Vallette alcuni detenuti hanno una squadra di rugby. La mattina escono dalle celle, vanno sul campo, si allenano, mangiano insieme, e la sera rientrano in cella". "E' una sorveglianza dinamica. Ci sono dei percorsi che possono compiere da soli, oppure solo accompagnati. E non c'e' solo piu' la figura della Polizia Penitenziaria. Ci sono allenatori, insegnanti, assistenti. E' la societa' civile che si apre al carcere. O viceversa".
 
Ma l'esperienza di Torino e' 'un'isola felice'? "Non siamo ne' un'isola ne' siamo felici", risponde. "Abbiamo anche noi problemi di sovraffollamento, miserie e non per tutti percorsi di questo tipo sono adottabili. Ma un carcere - conclude - non puo' essere sempre visto solo in termini numerici di sovraffollamento, suicidi piante organiche. Un carcere e' una miniera, bisogna cominciare a pensarlo come un'opportunita' per la societa'".
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

8 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico