Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Sorveglianza dinamica anche a Torino, parla il Direttore: il carcere è una miniera

Polizia Penitenziaria - Sorveglianza dinamica anche a Torino, parla il Direttore: il carcere è una miniera


Notizia del 16/07/2012 - TORINO
Letto (3141 volte)
 Stampa questo articolo


"In un carcere il concetto di sicurezza e' piuttosto difficile da definire, ma non puo' limitarsi alla cella. Sicurezza significa sicurezza per i detenuti, sicurezza per gli operatori, serenita', calo delle tensioni". A parlare, in un'intervista a 'La Stampa', e' Pietro Buffa, direttore uscente del carcere delle Vallette di Torino, uno dei primi a sperimentare i 'regimi aperti' progenitori della circolare del Dipartimento di pubblica sicurezza (Dap) che prevede le 'sezioni aperte' per detenuti a basso a rischio. L'ipotesi e' quella di un patto con l'amministrazione penitenziaria 'con clausole, prescrizioni e impegni da rispettare, che in cambio offrira' ai detenuti una sorta di autogestione.
 
Commentando la circolare del Dap, Buffa precisa "non si tratta solo dell'apertura delle celle. Significa responsabilizzazione, socialita', sicurezza appunto". E fa un esempio: "alle Vallette alcuni detenuti hanno una squadra di rugby. La mattina escono dalle celle, vanno sul campo, si allenano, mangiano insieme, e la sera rientrano in cella". "E' una sorveglianza dinamica. Ci sono dei percorsi che possono compiere da soli, oppure solo accompagnati. E non c'e' solo piu' la figura della Polizia Penitenziaria. Ci sono allenatori, insegnanti, assistenti. E' la societa' civile che si apre al carcere. O viceversa".
 
Ma l'esperienza di Torino e' 'un'isola felice'? "Non siamo ne' un'isola ne' siamo felici", risponde. "Abbiamo anche noi problemi di sovraffollamento, miserie e non per tutti percorsi di questo tipo sono adottabili. Ma un carcere - conclude - non puo' essere sempre visto solo in termini numerici di sovraffollamento, suicidi piante organiche. Un carcere e' una miniera, bisogna cominciare a pensarlo come un'opportunita' per la societa'"."In un carcere il concetto di sicurezza e' piuttosto difficile da definire, ma non puo' limitarsi alla cella. Sicurezza significa sicurezza per i detenuti, sicurezza per gli operatori, serenita', calo delle tensioni". A parlare, in un'intervista a 'La Stampa', e' Pietro Buffa, direttore uscente del carcere delle Vallette di Torino, uno dei primi a sperimentare i 'regimi aperti' progenitori della circolare del Dipartimento di pubblica sicurezza (Dap) che prevede le 'sezioni aperte' per detenuti a basso a rischio. L'ipotesi e' quella di un patto con l'amministrazione penitenziaria 'con clausole, prescrizioni e impegni da rispettare, che in cambio offrira' ai detenuti una sorta di autogestione.
 
Commentando la circolare del Dap, Buffa precisa "non si tratta solo dell'apertura delle celle. Significa responsabilizzazione, socialita', sicurezza appunto". E fa un esempio: "alle Vallette alcuni detenuti hanno una squadra di rugby. La mattina escono dalle celle, vanno sul campo, si allenano, mangiano insieme, e la sera rientrano in cella". "E' una sorveglianza dinamica. Ci sono dei percorsi che possono compiere da soli, oppure solo accompagnati. E non c'e' solo piu' la figura della Polizia Penitenziaria. Ci sono allenatori, insegnanti, assistenti. E' la societa' civile che si apre al carcere. O viceversa".
 
Ma l'esperienza di Torino e' 'un'isola felice'? "Non siamo ne' un'isola ne' siamo felici", risponde. "Abbiamo anche noi problemi di sovraffollamento, miserie e non per tutti percorsi di questo tipo sono adottabili. Ma un carcere - conclude - non puo' essere sempre visto solo in termini numerici di sovraffollamento, suicidi piante organiche. Un carcere e' una miniera, bisogna cominciare a pensarlo come un'opportunita' per la societa'".
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

7 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

8 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

9 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada

10 Danneggiò le auto dei Poliziotti nel parcheggio del carcere di Ancona: individuato grazie alle telecamere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Anche i mafiosi hanno fame