Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Sparatoria per la tentata evasione all’autogrill di Sestri Levante. La ricostruzione dell’assistente capo davanti al Pubblico Ministero.

Notizia del 03/06/2011 - GENOVA

Sparatoria per la tentata evasione all’autogrill di Sestri Levante. La ricostruzione dell’assistente capo davanti al Pubblico Ministero.

letto 4905 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Ha ammesso di aver sparato otto, forse nove colpi: due mirando alle gambe del detenuto in fuga e altri sei o sette in aria. Lo ha detto ieri al pm Gabriella Dotto, l’assistente capo Giovanni Vitale, indagato assieme al sovrintendente capo Umberto Gagliano e all’agente Raffaele Ferrante, per la sparatoria seguita al drammatico tentativo di fuga del detenuto Pietro Noci, lo scorso 6 aprile all’autogrill Riviera Sud di Sestri Levante, sull’A12. Vitale, assistito dall’avvocato Mario Iavicoli ha ricostruito quanto accaduto nell’area di servizio. «Eravamo di ritorno dalla Toscana, dove il detenuto (Pietro Noci, ndr) era appena stato processato. Ci siamo fermati all’autogrill per fare rifornimento di carburante al furgone di servizio. Noci era nella “gabbia” e mi ha chiesto di poter mangiare due merendine che s’era portato dal carcere. Per questo motivo gli ho tolto le manette, ma è sempre rimasto rinchiuso. Però con due calci ha sfondato la porta della “gabbia” e quando abbiamo aperto il portellone per verificare che cosa stesse accadendo, ci è saltato addosso». Il resto? Il “bandito con la parrucca” è scappato a gambe levate verso e oltre la recinzione dell’area di servizio. I tre agenti della polizia penitenziaria si sono gettati all’inseguimento e hanno esploso in tutto diciannove colpi di pistola. Uno ha raggiunto il detenuto alla testa, ferendolo a un orecchio e al volto, un altro è rimbalzato al suolo e ha centrato Vitale a un’ascella. «Stavo correndo, ho sentito un dolore, un bruciore . Sono riuscito a fare ancora pochi passi, poi mi sono fermato e sono caduto a terra. Quanti colpi ho sparato? Otto o nove, non ricordo con precisione. Certamente uno o due erano mirati alle gambe del fuggitivo, gli altri in aria». Gagliano e Ferrante saranno sentiti oggi dallo stesso pm Dotto, alla presenza degli avvocati difensori Giulia Aliberti e Massimiliano Germigni. Tutti gli agenti della scorta sono sotto inchiesta e la procura della Repubblica di Chiavari ha ipotizzato il reato di lesioni aggravate, dovendo ora valutare se al momento della sparatoria sussistesse la scriminante della legittima difesa. Nei prossimi giorni, il magistrato incaricherà inoltre un consulente dei carabinieri in forza al reparto investigazioni scientifiche di effettuare una perizia balistica per fare chiarezza su chi abbia sparato i proiettili che hanno ferito l’assistente Vitale e il detenuto Noci.

STATISTICHE CARCERI REGIONE LIGURIA
Statistiche carceri Regione Liguria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

7 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

10 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria