Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Sposa una italiana ma finisce in carcere e inneggia lo stato islamico: espulso egiziano

Polizia Penitenziaria - Sposa una italiana ma finisce in carcere e inneggia lo stato islamico: espulso egiziano


Notizia del 30/12/2015 - RIMINI
Letto (1297 volte)
 Stampa questo articolo


Dopo la strage di Parigi, secondo quanto accertato dagli inquirenti, aveva più volte inneggiato all'Isis sostenendo che, dopo i francesi, sarebbe toccato agli italiani. Abou Seda Mahmoud Hosny Mohammed, 32enne egiziano, era rinchiuso nel carcere riminese dei "Casetti" per alcune rapine e, proprio dalla sua cella, il nordafricano avrebbe più volte fatto proaganda allo Stato Islamico tanto da arrivare a festeggiare apertamente all'indomani degli attentati commessi nella capitale francese. "Li dobbiamo far fuori tutti, prima i francesi e poi anche gli italiani" sono state le urla del 32enne rivolte ai compagni di prigione e davanti al personale della polizia Penitenziaria mimando, anche, il gesto della pistola.

Scarcerato con l'obbligo di dimora, lo straniero è finito nel mirino del personale della polizia di Stato che lo ha costantemente tenuto d'occhio. Ritenenuto una minaccia per la pubblica sicurezza, sono state quindi avviate tutte le pratiche necessarie alla sua espulsione dall'Italia ed è stato espulso in seguito a un’ordinanza emessa dalla Prefettura di Rimini su segnalazione della Questura. L’accompagnamento al Centro di identificazione ed espulsione di Torino dove è stato trattenuto sino alla mattinata del 30 dicembre, quando con un volo di una compagnia aerea egiziana è stato rimpatriato, scortato da personale della polizia egiziana.

L'egiziano, secondo quanto accertato dal personale della Digos, si trovava in Italia fin dal settembre 2004 quando era stato fotosegnalato dalla Questura di Ragusa perché richiedente asilo politico. Tra il 2007 e il 2013 aveva ottenuto la Carta di Soggiorno, in quanto aveva sposato una cittadina italiana, ma il permesso era stato poi revocato vista la carriera criminale del nordafricano e, nel settembre di quest'anno, era stato arrestato dai carabinieri di Rimini per rapina aggravata in concorso. Il suo curriculum lo vede implicato nei reati di rissa, lesioni personali, quando aveva colpito un cittadino pakistano alla testa con una cazzuola; estorsione continuata in concorso ai danni di due fratelli ristoratori, diversi episodi di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, lesioni aggravate, avendo ferito al braccio un cittadino italiano con un coltello; violazione di domicilio, rapina aggravata e lesioni aggravate.

riminitoday.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Aumenti contrattuali e arretrati: per il Sappe sono inaccettabili i ritardi. Se non saranno in busta paga aprile mobilitazione del personale

2 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

3 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

4 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

5 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Per il Garante dei Detenuti se non condividi la riforma, o non l’hai letta o non l’hai capita

8 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico