Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Squadra di picchiatori nel carcere di Sulmona: lo dichiara un ergastolano

Polizia Penitenziaria - Squadra di picchiatori nel carcere di Sulmona: lo dichiara un ergastolano


Notizia del 21/06/2013 - L'AQUILA
Letto (4439 volte)
 Stampa questo articolo


Nuove accuse alla Polizia Penitenziaria: un collaboratore di giustizia, detenuto a Torino dove deve scontare un ergastolo, dichiara che a Sulmona opera una squadra di picchiatori della Polizia Penitenziaria.

Li chiamavano "monaci", per via delle larghe tute mimetiche che indossavano, sotto le quali nascondevano cinte e bastoni.

Vere e proprie squadre di punizione che agivano in silenzio e molto spesso di notte, per colpire i detenuti del carcere di Sulmona. La scioccante rivelazione è stata fatta questa mattina, come riporta l’agenzia Ansa, da un collaboratore di giustizia, sottoposto a regime di protezione rinchiuso nel carcere di Torino, dove sta scontando l'ergastolo, chiamato a testimoniare in un processo in cui è imputato F. S., agente di Polizia Penitenziaria di 45 anni del Gruppo operativo mobile (Gom) di Roma.

L'agente è accusato di lesioni aggravate nei confronti di un detenuto, per fatti che si sarebbero svolti nell'ottobre del 2007. Nel corso dell'udienza che è durata alcune ore e che si è svolta a porte chiuse, il collaboratore di giustizia ha raccontato con dovizia di particolari, numerosi episodi di presunti maltrattamenti messi in atto, dai cosiddetti "monaci" nei confronti dei detenuti, ai quali avrebbe assistito durante la sua permanenza nella sezione gialla del carcere di Sulmona riservata ai collaboratori di giustizia. Rivelazioni che hanno indotto il difensore della parte civile, l'avvocato Cinzia Simonetti, a chiedere al giudice Ciro Marsella, la trasmissione degli atti alla procura della Repubblica, affinché venga approfondita la veridicità delle dichiarazioni del testimone, in ordine all'esistenza di una presunta squadra di picchiatori.

Anche perché nel corso della deposizione il testimone avrebbe fatto con precisione alcuni nomi di agenti di Polizia Penitenziaria che avrebbero partecipato ai raid punitivi. «Laddove venissero accertate responsabilità in ordine ai fatti emersi nel corso del processo», afferma l'avvocato Simonetti che è anche responsabile di zona dell'Osservatorio Carceri dell'Unione delle Camere Penali Italiane, «sarebbe giusto e opportuno sia da parte della giustizia sia da parte della stessa amministrazione penitenziaria, che venissero adottati gli opportuni provvedimenti, affinché non si verifichino altri casi Cucchi».

primadanoi.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE ABRUZZO
Statistiche carceri Regione Abruzzo







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

2 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

3 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

4 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

5 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

6 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

9 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative

10 Commissione Antimafia: 41bis è insostituibile e convenzione tra DAP e Servizi segreti va riscritta, troppe ombre


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

3 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Ma chi siamo?

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia