Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Stefano Cucchi mi disse: "sono stati i Carabinieri"

Notizia del 09/11/2011 - ROMA

Stefano Cucchi mi disse: "sono stati i Carabinieri"

letto 2362 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

"Stefano Cucchi mi disse che qualcuno gli aveva menato e che erano stati i carabinieri". E' la testimonianza di Silvia Porcelli, infermiera del reparto di medicina protetta del 'Sandro Pertini' di Roma, struttura sanitaria nella quale Cucchi morì il 22 ottobre 2009, sette giorni dopo il suo arresto per droga.

Silvia Porcelli è stata sentita come testimone nel processo che per la morte di Cucchi vede imputate dodici persone: sei medici, tre infermieri e tre agenti di polizia penitenziaria.

"Quando dissi a Stefano che avrei dovuto chiamare gli agenti come testimoni di quello che mi diceva - ha aggiunto Porcelli - lui, mentre stavo per uscire dalla stanza, mi disse 'non chiamare nessuno, tanto non lo ripeto'. Da quel momento ha cominciato a negare tutto, anche il fatto che aveva già detto di essere celiaco". 

Durante la sua permanenza nella struttura penitenziario-sanitaria, Cucchi è sempre apparso "lucido, consapevole, tranquillo; non mostrava alcun sintomo di agitazione. Anche se non era propenso a dialogare".
Fisicamente, la visione che l'infermiera ebbe all'epoca del giovane romano fu quella di una persona "magra, con intorno agli occhi segni giallastri che però mi sembrarono vecchi".

Sono inoltre entrati a far parte del fascicolo processuale gli esiti dell'indagine interna effettuata dalla 'Uoc Risk Management' dell'Asl Rm/B sulla cause del decesso. E' stata l'ex direttore generale dell'azienda sanitaria, Flori Degrassi, a fornire i dati dell'indagine nel corso dell'udienza di oggi.

I risultati, nel novembre 2009, portarono alla revoca del trasferimento d'ufficio per Aldo Fierro, responsabile del reparto medico penitenziario, e per i medici Stefania Corbi e Rosita Caponnetti; tutti e tre, oggi nell'elenco degli imputati che prevede anche altri tre medici, tre infermieri e tre agenti della 'penitenziaria'.

Per il resto, la Degrassi, insieme con l'ex direttore sanitario dell'Asl Rm/b Antonio D'Urso e con il direttore sanitario del carcere di Rebibbia, hanno poi illustrato i termini del protocollo firmato con il ministero della Giustizia sulla richiesta di informazioni dei familiari dei detenuti. "All'epoca - ha spiegato D'Urso - i medici non potevano dare informazioni senza l'autorizzazione dell'autorità giudiziaria. Dopo la morte di Cucchi, un ordine di servizio del dirigente amministrativo del carcere di Rebibbia autorizzò la polizia penitenziaria a comunicare ai medici richieste di informazioni da parte dei familiari dei detenuti-pazienti".

http://roma.repubblica.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

3 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

7 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

8 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

9 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

10 Seminfermo di mente e pericoloso omicida fuge da REMS: è il terzo caso in poche settimane


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Accreditati 320 euro di bonus . Ora si attende il Decreto per le funzioni direttive a marescialli e ispettori

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946