Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Strasburgo: Provenzano resta in carcere a Parma

Polizia Penitenziaria - Strasburgo: Provenzano resta in carcere a Parma


Notizia del 21/11/2013 - PARMA
Letto (1911 volte)
 Stampa questo articolo


Bernardo Provenzano deve rimanere in carcere. A stabilirlo è stata la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo, che ha rifiutato di applicare all'ex numero uno di Cosa nostra la regola 39 con cui i giudici ingiungono a un Paese membro del Consiglio d'Europa di prendere immediate misure per eliminare o impedire la violazione dei diritti di un detenuto.

negata la richiesta del legale.A richiedere l'applicazione della normativa prevista dalla Corte di Strasburgo è stata Rosalba Di Gregorio, legale del boss Provenzano. Generalmente questa regola viene utilizzata per fermare l'estradizione di qualcuno dal territorio di uno dei 47 Stati membri. La Corte ha rifiutato la richiesta dell'avvocato perché non ha ritenuto, in base agli elementi in possesso, che il boss sia in condizioni tali da dover essere scarcerato o sottoposto a regime diverso.

pendente il ricorso per maltrattamenti. È rimasto pendente davanti alla Corte, invece, il ricorso presentato dal legale di Provenzano con cui si è chiesta la condanna dello Stato italiano per aver sottoposto l'ex capo di Cosa nostra a trattamento inumano e degrante. I familiari infatti nel 2012 avevano denunciato maltrattamenti all'interno della struttura penitenziaria di Parma, dove il boss era stato trasferito dal 2011.

lettera43
 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

6 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

7 Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane

8 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

9 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook

10 L’origine dei tatuaggi e l’implicazione del carcere