Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Stroncato traffico di droga: indagini partite dalla Polizia Penitenziaria che nel carcere di Marassi sequestra anche un machete

Polizia Penitenziaria - Stroncato traffico di droga: indagini partite dalla Polizia Penitenziaria che nel carcere di Marassi sequestra anche un machete


Notizia del 16/07/2017 - GENOVA
Letto (3860 volte)
 Stampa questo articolo


Nelle celle di Marassi, non soltanto detenuti. La Polizia Penitenziaria ha scoperto anche - mesi fa - un telefono cellulare e un machete: rudimentale ma in grado di assolvere perfettamente al suo compito. Da quel sequestro, ha preso il via un’operazione della polizia di Genova, che ha sventato un traffico di droga a Lucca: sequestrato quasi un chilo di cocaina, due di hashish e marijuana e il solito armamentario per “tagliare” gli stupefacenti.

L’attività investigativa è partita dal controllo del telefono cellulare, sequestrato in cella, insieme al machete rudimentale ma tagliente. Da lì si è arrivati fino in Toscana. Un’osmosi perfetta dello spaccio, messa in piedi da tre latinoamericani. Due già in carcere a Marassi: Ramon Medina Nelson Oscar di 42 anni e Maya Herrera Carlos Andrea, di 41 anni, da qualche tempo residente a Recco. Sono stati raggiunti in cella dal terzo complice. Ramirez Jose Antonio di 35 anni, arrestato a Lucca in flagranza di reato, mentre spacciava.

Gli agenti della sezione antidroga della Mobile di Genova hanno operato anche a Lucca, dove si svolgeva lo spaccio al dettaglio dello stupefacente e dov’era poi il terminale del terzetto. Quando è stato arrestato, Ramirez, pregiudicato dominicano, che riforniva i connazionali dediti allo spaccio a Genova. Aveva mezzo chilo di cocaina e alcuni chili di cannabis.

Al termine della lunga indagine è stata ricostruita la “filiera” dello spaccio: Maya Herrera forniva la droga e Ramon Medina era l’intermediario.

Nel corso dell’indagine sono stati indagate 11 persone, 6 sono finite in manette. Sono stati sequestrati 8 chili tra hashish e marijuana e circa 1 kg di cocaina.

La Polizia di Stato di Genova ha così interrotto nel centro storico un summit di spacciatori, tutti sudamericani, intenti ad approntare lo stupefacente per la vendita al dettaglio con l’utilizzo di additivi chimici fortemente pericolosi.

L’indagine ha tratto spunto dall’intercettazione di un cellulare adoperato - in carcere -da un detenuto domenicano, fratello di uno degli arrestati. Telefono sequestrato in carcere con la collaborazione della Polizia Penitenziaria.

Nell’occasione è stato altresì sequestrato un machete artigianale, trovato in possesso di un detenuto ristretto presso quella struttura a seguito di un arresto effettuato a settembre scorso dagli agenti della Squadra Mobile che, in quella circostanza, lo avevano sorpreso in possesso didroga e di un’arma clandestina.

ilsecoloxix.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LIGURIA
Statistiche carceri Regione Liguria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore