Aprile 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2017  
  Archivio riviste    
Studenti universitari presentano 13 minuti di cortometraggio sulla vita dei detenuti della casa circondariale di Viterbo.

Notizia del 27/05/2011 - VITERBO

Studenti universitari presentano 13 minuti di cortometraggio sulla vita dei detenuti della casa circondariale di Viterbo.

letto 2133 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

La tv è vita. Per la popolazione detenuta una finestra sul mondo. Unico spiraglio di luce. Interessante comprendere, e snocciolare, il rapporto che intercorre tra i mass media e chi, per scelte e condotte di vita sbagliate, dovrà scontare una pena in carcere. 13 minuti di cortometraggio che descrivono, raccontano e, per certi versi analizzano, attraverso un'analisi meramente sociologica, la vita dei detenuti della casa circondariale Mammagialla.

E' stato presentato ufficialmente giovedì mattina, presso l'Aula Magna della Facoltà di Scienze Politiche il progetto “La Tv è vita”. Il cortometraggio-documentario è stato realizzato da Davide Paolucci, Elisa Ponti, Silvia Cerica ed Elisa Spinelli. Coordinatore del progetto il professor Giovanni Fiorentino.

“Oggi presentiamo questo progetto – ha esordito il professor Giovanni Fiorentino - frutto di 1 anno e mezzo di lavoro. Un video-documentario nato grazie alla collaborazione fattiva tra l'Università della Tuscia e il carcere”. La televisione, scatola magica, che offre voce e volto ai detenuti che mettono in gioco loro stessi per provare a sollecitare, attraverso i media, nella società “esterna”, una cultura di attenzione al carcere e alla sua vita intensamente mediatica: luogo potenziale di comunicazione, ricerca, studio, e magari di produzione creativa.

“Mi piace constatare – ha spiegato Pierpaolo D'Andria, direttore della casa circondariale di Viterbo - che questo progetto si inserisce in un contesto di collaborazione”. 10 detenuti di Mammagialla sono iscritti all'Università; 7 su 10 sono studenti dell'Università della Tuscia. “Interessante è capire – ha proseguito il direttore D'Andria - il rapporto tra carcere e mass media: un tema molto dibattuto. Credo che ancora manchino degli studi che permettano di comprendere come la popolazione detenuta fruisce dei messi di comunicazione”. Presente all'incontro, in veste di relatore, anche Matteo Sanfilippo, direttore dipartimento Disucom.


tratto da ONTUSCIA.IT

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Arresti centro migranti di Capo Rizzuto: Poliziotto penitenziario consegnava pizzini agli ''ndranghetisti del carcere di Siano

2 Antonio Fullone nominato ufficialmente Direttore Generale: lascia la direzione del carcere di Poggioreale

3 Indagato l''ex direttore del carcere di Padova: sotto indagine il declassamento dall''alta sicurezza di 12 detenuti

4 Poggioreale, hashish nascosto nelle suole delle scarpe. Polizia Penitenziaria denuncia cinque persone

5 Vacilla il Carcere modello di Bollate, detenuto con chiavi usb e coltelli. Il Direttore minimizza

6 Ristrutturazioni in corso nel carcere di Cuneo per ospitare di nuovo detenuti al 41-bis

7 Lucera, in fiamme auto di un poliziotto penitenziario

8 Funzionario PRAP Sicilia condannato a tre anni di reclusione: turbativa d''asta per i lavori nel carcere dell''Ucciardone

9 Ivrea. Si finse morto in cella, poi sputi e insulti alla Polizia Penitenziaria.Detenuto condannato a 5 mesi

10 Indagini nel carcere di Padova: la redazione di Ristretti Orizzonti e le parole di Calogero Piscitello


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva definitivamente il Riordino delle Carriere

2 Quanto fa guadagnare il servizio di polizia stradale della Polizia Penitenziaria al Ministero della Giustizia?

3 Vigilanza dinamica e affettività in carcere diventano legge

4 Riordino carriere: le commissioni parlamentari auspicano che il ruolo funzionari sia pienamente corrispondente alla Polizia di Stato

5 Skype per i mafiosi al 41-bis: arrivano puntuali le smentite, ma per i mafiosi in alta sicurezza come la mettiamo?

6 Rems, se qualcuno avesse raccolto i nostri allarmi ...

7 Il Re è nudo! Ma forse anche cieco e sordo ...

8 Carceri e sanità, intesa del Sappe con i medici aderenti allo SMI

9 Qualcuno crede che Facebook sia come lo Speakerís Corner di Hyde Park

10 LíOrdinamento Penitenziario minorile: le inerzie del legislatore