Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Suicida un Assistente Capo della Polizia Penitenziaria: 41 anni lavorava nel carcere di Fossombrone

Polizia Penitenziaria - Suicida un Assistente Capo della Polizia Penitenziaria: 41 anni lavorava nel carcere di Fossombrone


Notizia del 04/07/2015 - PESARO E URBINO
Letto (4920 volte)
 Stampa questo articolo


Assistente Capo di Polizia Penitenziaria si suicida nel pressi della sua abitazione. Il tragico gesto è avvenuto la sera di giovedì 2 luglio intorno a mezzanotte. L'uomo aveva 41 anni. si è ucciso con la pistola d'ordinanza con un colpo alla tempia. Era sposato ed era da poco stato trasferito dal carcere di Pesaro.

Alla radice della decisione finale forse un male di vivere acuito dal duro lavoro nella casa di reclusione. Poi il "nulla". L'assistente capo della polizia penitenziara di Fossombrone si è ucciso la scorsa sera nei pressi della sua abitazione. Ancora ignote le cause. L’uomo, sposato e padre di due figlie, era stato trasferito da poco nel carcere "sigillato" col 41-bis.

Sembra che il 40enne, pochi attimi prima, abbia inviato un sms di addio alla moglie, che si trovava con i figli in compagnia di amici. L'uomo era stato con loro fino a mezz'ora prima, per poi allontanarsi con una scusa dicendo che sarebbe andato a casa per sbrigare cose urgenti. Il corpo è stato trovato dalla moglie, che si era precipitata a casa dopo aver letto il messaggio sul telefonino.

“Sembra non avere fine lo stato di scoramento che caratterizza gli agenti di questo Corpo" spiega il segretario nazionale del Sappe, Donato Capece. Nel 2014 furono dieci i casi identici: più di 100 dall'anno 2000.

"Non sappiamo se era percepibile o meno il disagio che viveva il collega. Quel che è certo è che sui temi del benessere lavorativo dei poliziotti penitenziari l’Amministrazione Penitenziaria è in grosso affanno e in colpevole ritardo, senza alcuna iniziativa concreta”.

viverefano.com  ansa

STATISTICHE CARCERI REGIONE MARCHE
Statistiche carceri Regione Marche







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

3 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

4 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore