Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Suicidi in carcere: San Vittore, autopsia conferma suicidio del detenuto

Notizia del 21/02/2012 - MILANO

Suicidi in carcere: San Vittore, autopsia conferma suicidio del detenuto

letto 1808 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

I familiari del detenuto 21enne morto al carcere di San Vittore denunciano: “Alessandro è stato ammazzato, non si è suicidato”.

Eppure, l’autopsia ha confermato, poco fa, il suicidio: il medico legale ha accertato che il ragazzo si è impiccato ed è morto rompendosi le vertebre cervicali. Sul cadavere del 21enne non è stata trovata traccia di eventuali violenze subìte, né lesioni che possano far sospettare che sia stato costretto ad uccidersi. Vincenzo, il fratello della vittima, era arrivato al Policlinico nella notte tra sabato e domenica.

Nessuno aveva fornito spiegazioni sulla morte di Alessandro: “I carabinieri ci hanno chiamato quattro ore dopo dicendo di chiedere spiegazioni al cappellano della prigione”, ha spiegato il 24enne. Questa mattina, l’avvocato di famiglia, Antonio Romano, aveva annunciato: “Aspettiamo l’autopsia di oggi, ma non crediamo al suicidio, pensiamo sia stato ucciso e siamo pronti a intraprendere azioni legali. La detenzione non era neanche necessaria”. E’ di un’ora fa la notizia: l’autopsia ha confermato l’ipotesi di suicidio.

Familiari: in galera per reati mai commessi – Alessandro Gallelli, 22 anni, era stato trasportato al Policlinico con un’ambulanza, sabato scorso, nel pomeriggio. Il ragazzo, calciatore di San Vittore Olona, era in attesa di giudizio per reati minori. Il fratello Vincenzo ha parlato di “una rissa con la Polfer, a causa di un biglietto del treno non pagato, consumo di marjuana, molestie ai danni di minorenni, disturbi psicologici non accertati dalle perizie”.

Per il familiare, Alessandro era stato messo in cella senza un reale motivo, perché le accuse contestate sarebbero tutte false: “Se è andato in carcere lui, ci può finire chiunque”. Alessandro aveva denunciato più volte di essere stato picchiato da altri detenuti, circostanza difficilmente comprensibile poiché il ragazzo era stato sottoposto a isolamento. Il giovane si è tolto la vita dopo una seduta psichiatrica. L’avvocato, poco dopo la notizia del suicidio, aveva affermato: “Qualora fosse vero, è inaccettabile che venisse picchiato da altri detenuti. Alessandro sarebbe dovuto essere controllato a vista”. Nonostante l’autopsia abbia confermato l’ipotesi di suicidio, il pm Giovanni Polizzi attenderà qualche giorno prima di rilasciare il nulla osta per la sepoltura: darà tempo ai familiari di decidere se nominare altri consulenti per ulteriori accertamenti.

www.fanpage.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

6 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

7 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

8 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

9 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946