Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Suicidi in carcere, Sappe: solidarietà a Ristretti Orizzonti dopo il comunicato dal DAP

Polizia Penitenziaria - Suicidi in carcere, Sappe: solidarietà a Ristretti Orizzonti dopo il comunicato dal DAP


Notizia del 22/05/2013 - ROMA
Letto (1760 volte)
 Stampa questo articolo


Suicidi in carcere: il DAP smentisce Ristretti Orizzonti riguardo alla diffusione dei dati sul numero dei detenuti che si sono suicidati in carcere nel 2013.

Suicidi in carcere, DAP: dati diffusi da Ristretti Orizzonti gonfiati rispetto alla realtà

“Alla redazione di Ristretti Orizzonti, che da anni conduce una meritoria attività di informazione da e sul carcere, va la nostra piena solidarietà rispetto alle dichiarazioni di Luigi Pagano, vice Capo del DAP, che li accusa di gonfiare i dati dei suicidi in carcere. Il loro è un lavoro prezioso. Come Ristretti Orizzonti, l’impegno del primo Sindacato della Polizia Penitenziaria, il SAPPE, è sempre stato ed è quello di rendere il carcere una “Casa di vetro”, cioè un luogo trasparente dove la società civile può e deve vederci “chiaro”, perché nulla abbiamo da nascondere ed anzi questo permetterà di far apprezzare il prezioso e fondamentale – ma ancora sconosciuto - lavoro svolto quotidianamente dalle donne e dagli uomini della Polizia Penitenziaria. Del carcere e dei Baschi Azzurri viene spesso diffusa un'immagine distorta, che trasmette all'opinione pubblica un'informazione parziale, non oggettiva e condizionata da pregiudizi. Pagano, che ha il compito di comunicatore per conto del DAP ed è stato in più occasioni al centro di critiche per come gestisce tale incarico (dimenticandosi, spesso e volentieri, di ricordare il lavoro dei poliziotti penitenziari). Gli italiani non conoscono bene la Polizia Penitenziaria perché l’Amministrazione penitenziaria non vuole e non è capace di far conoscere il duro lavoro degli agenti penitenziari che garantiscono la sicurezza delle carceri in Italia 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno. Gli italiani non ci conoscono perché il DAP, segnatamente il Vice Capo DAP Luigi Pagano, non è evidentemente capace di svolgere il proprio lavoro di comunicazione. E questo non ci stupisce, considerato il fatto che la Polizia Penitenziaria non ha nessuna voce in capitolo nel settore della comunicazione pubblica all’interno della propria amministrazione.”

Lo dichiara Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, la prima e più rappresentativa organizzazione dei Baschi Azzurri, commentando il comunicato stampa del Vice Capo DAP Luigi Pagano riferito ai dati di Ristretti Orizzonti.
“Continuiamo a denunciare da anni che l’Amministrazione Penitenziaria ha del tutto disatteso il proprio mandato istituzionale di informare i cittadini e far conoscere la realtà penitenziaria e il duro lavoro della Polizia Penitenziaria. Le nostre dichiarazioni sono anche confermate da uno studio sulla percezione d’immagine della Polizia Penitenziaria da parte dei cittadini che due anni fa il DAP aveva commissionato ad una società di sondaggi. Lo studio dimostrava che la Polizia Penitenziaria era all’ultimo posto di preferenza tra le Forze di Polizia italiane, ma arrivava in assoluto al primo posto tra le persone che avevano avuto modo di conoscere il nostro lavoro e la nostra professionalità. Se i cittadini non conoscono bene la Polizia Penitenziaria dipende dal fatto che il DAP sulle carceri e in particolar modo sul ruolo della Polizia Penitenziaria continua a mantenere quella cortina fumogena che non è in grado e non vuole diradare.

E la situazione nelle carceri resta esplosiva: lo confermano le notizie di cronaca che, in pochi giorni, hanno fatto registrare i suicidi di un Agente di Polizia Penitenziaria (nel carcere minorile di Lecce) e di due detenuti (a Castelfranco Emilia ed a Catanzaro), altri suicidi di ristretti sventati in tempo dalla Polizia Penitenziaria a Modena, nel carcere minorile di Catanzaro ed a Vibo Valentia, poliziotti aggrediti in carcere a Spoleto, Saluzzo, Bari e Salerno ed un’aggressione contro un altro Basco Azzurro sventata ad Alessandria, due risse tra detenuti nel carcere genovese di Marassi, due incendi provocati da detenuti a Como e Montelupo Fiorentino che per il pronto intervento degli Agenti non è sfociato in tragedie, la morte improvvisa per malore di tre detenuti (nelle carceri di Velletri e Torino e nell’Ospedale psichiatrico giudiziario di Reggio Emilia) e di un poliziotto del carcere di Firenze Sollicciano”.

“La situazione penitenziaria resta allarmante nell’assoluta indifferenza ed apatia dell’Amministrazione Penitenziaria” conclude Capece.” In questo contesto è palese e grave l’inefficienza del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria guidato da Giovanni Tamburino e dal Vice Capo Luigi Pagano, che pensa a risolvere le criticità del sovraffollamento delle nostre prigioni con soluzioni fantasiose e pericolose”, conclude. Proprio per questo, dopo quello organizzato davanti al DAP lo scorso 8 maggio, “mercoledì 29 maggio 2013 il SAPPE manifesterà davanti al Ministero della Giustizia: come abbiamo fatto davanti al DAP, metteremo un piccolo palco di fronte al palazzo del Ministero (uno speakers’corner), dal quale poter far esprimere tramite altoparlante problemi, lamentele, rivendicazioni, richieste e necessità dei poliziotti penitenziari”. Al primo posto, per il SAPPE, “la gestione fallimentare del Corpo di Polizia Penitenziaria e del Dap, distante dalla realtà e che sottovaluta la sicurezza del personale e delle strutture”.

Sappeinforma

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

8 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

3 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

4 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto