Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Svizzera. Ecco lo chalet dove i detenuti fanno l''amore

Polizia Penitenziaria - Svizzera. Ecco lo chalet dove i detenuti fanno l''amore


Notizia del 15/06/2016 - ESTERO
Letto (1993 volte)
 Stampa questo articolo


CADRO - Per raggiungere la “casetta dell'amore”, alla Stampa, bisogna passare attraverso una serie di controlli. Cancelli a doppio check, telecamere e muraglioni di cemento. Alla fine ci si ritrova in mezzo a un prato in fiore. La vista è surreale: uno chalet circondato dal filo spinato, al limite della foresta, domina dall'alto le carceri cantonali. È qui che i detenuti di Cadro salgono a passare le loro ore di privacy (6 al massimo, ogni due mesi) in intimità con mogli e fidanzate - ma spesso anche insieme a tutta la famiglia. E qui qualcuno vorrebbe che fossero ospitate anche delle prostitute.

 

«Struttura unica» - La struttura visitata da Tio.ch-20minuti, di cui mostriamo le immagini in esclusiva, è un luogo «unico in Svizzera» spiega il direttore delle Strutture carcerarie del Cantone, Stefano Laffranchini: «In nessun carcere elvetico esiste qualcosa di simile». La cascina – due bagni, salotto con cucina, caminetto e naturalmente la zona notte con un grande letto matrimoniale – è un ex grotto adibito a una sorta di privée per carcerati. L'anno scorso 22 dei 140 ospiti della Stampa hanno usufruito dello chalet (soprannominato “La Silva”) per trascorrere momenti d'intimità in compagnia femminile – ma anche in famiglia. Si tratta di «un premio per i detenuti che si distinguono per buona condotta» continua Laffranchini.

 

«Vietato alle prostitute» - L'attività sessuale in carcere, del resto, facilita il reinserimento sociale. A una condizione: le ospiti della casa dell'amore «devono poter dimostrare di avere un rapporto sentimentale significativo e duraturo con i carcerati» precisa Laffranchini. Niente prostitute o scappatelle occasionali. Una regola che non è piaciuta a tutti i detenuti: di recente, non è mancato chi ha fatto ricorso contro la decisione della direzione di vietare alcune visite con “amiche” sospette. «Su questo non transigiamo. Se dovessimo aprire lo chalet alle prostitute avremmo difficoltà a gestire il servizio: i detenuti stranieri, senza legami affettivi sul territorio, sono sempre di più, le richieste esploderebbero» afferma Laffranchini, che conclude: «Lo chalet è pensato per consentire ai detenuti di mantenere i rapporti sociali. È evidente che, quando si tratta di prostitute, questa funzione viene meno».

Tio.ch

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

3 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

4 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

5 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

6 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

7 Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane

8 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

9 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook

10 Firenze Sollicciano … tanto tuonò che NON piovve