Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Tablet ai detenuti per comunicare all'esterno: negli USA utilizzati dal 75% dei carcerati

Polizia Penitenziaria - Tablet ai detenuti per comunicare all'esterno: negli USA utilizzati dal 75% dei carcerati


Notizia del 27/07/2015 - ESTERO
Letto (1157 volte)
 Stampa questo articolo


I collegamenti tra i detenuti e il mondo esterno sono stati a lungo relegati a una tecnologia obsoleta: i telefoni di rete fissa. Ma l'azienda JPay ha contribuito a portare le comunicazioni in prigione nel 21° secolo. La società ha recentemente rilasciato un nuovo tablet per la popolazione carceraria, chiamato JP5mini, che permette ai detenuti inviare e-mail, e-cards e video ad amici e parenti.

I tablet permettono ai detenuti di divertirsi, istruirsi e mantenere la comunicazione con amici e parenti in modo che possano favorire le relazioni per reinserirsi meglio nella società al momento del rilascio. Circa 60.000 tablet del 2010 del predecessore di JP5mini, il JP4, sono attualmente in uso in 11 stati americani. JPay sostiene che il JP5mini è stato già adottato da strutture di correzione in Idaho e nel New Jersey.

Il tablet JP5mini è superiore in termini di grafica, velocità e potenza di calcolo, ed ha quattro volte la capacità di archiviazione del suo predecessore, raggiungendo i 32 gigabyte. I detenuti possono acquistare il tablet per 69,99 dollari nella loro struttura o qualcuno può acquistarlo per loro. Per comunicare con i detenuti, le persone possono accedere alla piattaforma web di JPay o scaricare l'applicazione JPay gratuita su iPhone o Android.

JPay ha iniziato come un servizio di pagamento elettronico per le carceri. Poi l'azienda ha fornito servizi con accesso a musica, libri e messaggistica. JPay permette alle strutture di creare le proprie linee guida rigorose per filtrare i messaggi. Attualmente filtra circa 8.000 parole come "fuga", modi di dire, nomi delle gang e molto altro.

"Possiamo anche identificare alcuni detenuti in base al loro livello di minaccia", ha detto Schulz: i detenuti ad alto rischio hanno tutti i loro messaggi moderati manualmente. I dispositivi vengono anche contrassegnati elettronicamente con le informazioni dei detenuti in modo che non possano abbandonarli dopo un uso improprio.

Avere un tablet non significa che detenuti sono su Facebook e Twitter. Il dispositivo è dotato di un bootloader sicuro su un sistema operativo Android in modo che nessun altro sistema operativo possa essere installato, e non possono manipolare la piattaforma. Non è come Gmail o Yahoo. I membri della famiglia devono ottenere l'accesso alla piattaforma tramite il sito web o l'app per iPhone e Android.

Tutto viene eseguito sulla piattaforma JPay. I detenuti non hanno di solito una connessione internet. Il JP5mini dispone di funzionalità wireless se un carcere decide di attivarlo: Schulz stima che circa il 75% dei detenuti usino il JP4. Ha anche aggiunto che i detenuti sono entusiasti del JP5mini. "Ogni volta che c'è qualcosa di nuovo, soprattutto i detenuti a vita, vogliono avere i modelli più recenti. A loro piace avere nuovo materiale. È molto simile al funzionamento della società".

informatblog.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”