Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Tablet ai detenuti per comunicare all'esterno: negli USA utilizzati dal 75% dei carcerati

Polizia Penitenziaria - Tablet ai detenuti per comunicare all'esterno: negli USA utilizzati dal 75% dei carcerati


Notizia del 27/07/2015 - ESTERO
Letto (823 volte)
 Stampa questo articolo


I collegamenti tra i detenuti e il mondo esterno sono stati a lungo relegati a una tecnologia obsoleta: i telefoni di rete fissa. Ma l'azienda JPay ha contribuito a portare le comunicazioni in prigione nel 21° secolo. La società ha recentemente rilasciato un nuovo tablet per la popolazione carceraria, chiamato JP5mini, che permette ai detenuti inviare e-mail, e-cards e video ad amici e parenti.

I tablet permettono ai detenuti di divertirsi, istruirsi e mantenere la comunicazione con amici e parenti in modo che possano favorire le relazioni per reinserirsi meglio nella società al momento del rilascio. Circa 60.000 tablet del 2010 del predecessore di JP5mini, il JP4, sono attualmente in uso in 11 stati americani. JPay sostiene che il JP5mini è stato già adottato da strutture di correzione in Idaho e nel New Jersey.

Il tablet JP5mini è superiore in termini di grafica, velocità e potenza di calcolo, ed ha quattro volte la capacità di archiviazione del suo predecessore, raggiungendo i 32 gigabyte. I detenuti possono acquistare il tablet per 69,99 dollari nella loro struttura o qualcuno può acquistarlo per loro. Per comunicare con i detenuti, le persone possono accedere alla piattaforma web di JPay o scaricare l'applicazione JPay gratuita su iPhone o Android.

JPay ha iniziato come un servizio di pagamento elettronico per le carceri. Poi l'azienda ha fornito servizi con accesso a musica, libri e messaggistica. JPay permette alle strutture di creare le proprie linee guida rigorose per filtrare i messaggi. Attualmente filtra circa 8.000 parole come "fuga", modi di dire, nomi delle gang e molto altro.

"Possiamo anche identificare alcuni detenuti in base al loro livello di minaccia", ha detto Schulz: i detenuti ad alto rischio hanno tutti i loro messaggi moderati manualmente. I dispositivi vengono anche contrassegnati elettronicamente con le informazioni dei detenuti in modo che non possano abbandonarli dopo un uso improprio.

Avere un tablet non significa che detenuti sono su Facebook e Twitter. Il dispositivo è dotato di un bootloader sicuro su un sistema operativo Android in modo che nessun altro sistema operativo possa essere installato, e non possono manipolare la piattaforma. Non è come Gmail o Yahoo. I membri della famiglia devono ottenere l'accesso alla piattaforma tramite il sito web o l'app per iPhone e Android.

Tutto viene eseguito sulla piattaforma JPay. I detenuti non hanno di solito una connessione internet. Il JP5mini dispone di funzionalità wireless se un carcere decide di attivarlo: Schulz stima che circa il 75% dei detenuti usino il JP4. Ha anche aggiunto che i detenuti sono entusiasti del JP5mini. "Ogni volta che c'è qualcosa di nuovo, soprattutto i detenuti a vita, vogliono avere i modelli più recenti. A loro piace avere nuovo materiale. È molto simile al funzionamento della società".

informatblog.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

4 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

5 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

6 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

7 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

8 Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer

9 Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria

10 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera